ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Immobili: nel Triveneto investimenti stimati per un miliardo di euro-Cooperative: Meloni, 'vigilanza e autocontrollo per evitarne uso distorto'-Manovra: Orlando (Pd), 'rischia di produrre povertà e precarietà'-A2A: nel Piano Strategico 2021-2030 l’impegno per dare contributo a decarbonizzazione Paese-Sardegna, 12.000 mq di area rigenerata a Cuglieri dopo gli incendi del 2021-Alla Camera nuovo Intergruppo parlamentare 'Insieme per il cancro'-Dc: Bindi, 'Bianco evitò spostamento Ppi a destra, sostenne con lealtà Prodi'-Qatar 2022: Szczesny, 'ho perso scommessa con Messi sul rigore ma non pago, è già ricco'-Ue: Picierno, 'il3/12 a Bari con Fitto, prima tappa viaggio nel Sud'-Wartsila: Uilm, lavoratori Trieste approvano accordo, ora vigileremo su attuazione-Twitter: pace fatta fra Musk e Apple, Cook non rimuoverà il social dall'app store-Cuzzilla, 'c'è attacco al reddito fisso, è scandaloso'-Brambilla, 'numero sempre più esiguo di contribuenti paga sempre di più in tasse'-Itinerari previdenziali, welfare finanziato con fiscalità generale, onere molto gravoso-Pd: insediato Comitato costituente, al via lavori su manifesto valori e principi-De Bertoldi, 'per Rgs retroazioni fiscali valgono come coperture ma nessuno le usa'-Fisco, Gusmeroli (Lega): 'serve semplificazione ed equità nelle sanzioni'-Qatar 2022: Frappart, 'dovrò controllare le mie emozioni per arbitrare bene'-**Musica: Pinguini Tattici Nucleari, 'il gioco di squadra ci ha reso quelli che siamo'**-Itinerari previdenziali, per 79,2% italiani redditi fino a 29mila euro, pagano solo 27,57% di tutta Irpef

Cambiamenti climatici: danni potenziali troppo alti

Condividi questo articolo:

I danni potenziali di una temperatura troppo alta sono maggiori della diffusione delle armi di distruzione di massa, della crisi idrica, delle migrazioni involontarie

 

I cambiamenti climatici distruggeranno il mondo. Se le politiche ambientali falliscono, i danni potenziali di una temperatura troppo alta sono maggiori della diffusione delle armi di distruzione di massa, della crisi idrica, delle migrazioni involontarie su larga scala e di un grave shock dei prezzi energetici. a denunciarlo è il Global Risk Report 2016 stilato dal World Economic Forum (Wef) sulla base di un’indagine condotta su 750 esperti, e rilasciato prima della riunione annuale del Forum economico mondiale in programma a Davos dal 20 al 23 gennaio.

È la prima volta che un rischio legato all’ambiente potrebbe provocare più danni di qualsiasi altra cosa. Il cambiamento del clima, spiegano gli esperti, sta aggravando i rischi di crisi idrica, scarsità di cibo, crescita economica limitata e debole coesione sociale. E non solo, a causa del cambiamento climatico vi ‘altri rischi quali la migrazione e la sicurezza’.

‘Le misure di mitigazione contro tali rischi sono importanti, ma l’adattamento è di vitale importanza’, afferma Margareta Drzeniek-Hanouz, a capo del Global Competitiveness and Risks del Wef.