ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"-Lavoro, Fly future 2024: "Compagnie aeree e aziende aerospaziali cercano migliaia di giovani"

Ilva: l’inquinamento è ancora un problema. Un video-prova

Condividi questo articolo:

Guarda il video realizzato dal presidente del Fondo Antidiossina onlus, Fabio Matacchiera, che dimostra che l’inquinamento dell’Ilva di Taranto è ancora un problema da risolvere

 

Ancora un nuovo allarme sull’inquinamento dell’Ilva di Taranto. Questa volta l’appello viene lanciato da presidente del Fondo Antidiossina onlus, Fabio Matacchiera, con un video su Youtube. 

L’ambientalista, spiega che nel reparto che viene ripreso dalle immagini ‘con una cadenza che varia tra i 20 ed i 50 minuti circa, vengono svuotate sul terreno (area non pavimentata a dispetto delle norme) le enormi paiole dei carri siluri che portano con sé tonnellate di scorie di ghisa e di acciaio ancora incandescenti, causando una enorme diffusione di materiale polverulento e di emissioni pericolose non controllate in atmosfera’.

Tali emissioni, sostiene Matacchiera dopo una ‘ripetuta ed attenta visione del materiale video-fotografico’, ‘dopo lo svuotamento delle paiole, riescono ad investire abbondantemente aree esterne a quella industriale, fino a spingersi per diversi chilometri. Facciamo presente che l’area GRF fu messa sotto sequestro nel luglio 2012, poiché fu dimostrato dalla magistratura il rischio associato all’esercizio di quella area per la popolazione, per gli stessi operai e per l’ecosistema e gli impianti di quella area sono rimasti così come erano, senza sistemi di captazione fumi e senza adeguati sistemi per la sicurezza’.

Ed è per questo che il presidente del Fondo Antidiossina onlus, rivolgendosi al procuratore di Taranto Franco Sebastio, si chiede ‘quali iniziative abbia assunto, in linea con le indicazioni della Corte Costituzionale, a seguito dei numerosi esposti, denunce, filmati e documentazione fotografica e, a seguito, soprattutto, delle relazioni periodiche dei custodi giudiziari e delle informative degli organi di polizia giudiziaria, da cui si evince che i fenomeni emissivi ed inquinanti, connessi alla gestione degli impianti in sequestro, perdurano pressoché invariati e tutto ciò in evidente violazione di quanto affermato dalla Corte Costituzionale’.

gc

Questo articolo è stato letto 27 volte.

Ilva, inquinamento, Taranto, youtube

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net