ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"

Cinquanta tonnellate di Co2, per ogni film prodotto

Condividi questo articolo:

La produzione di un film costa all’ambiente circa 50 tonnellate di CO2 in atmosfera, ma si attende svolta green

 

La produzione di un film costa all’ambiente circa 50 tonnellate di CO2 in atmosfera. A dare i dati è Green Cross Italia nel corso della presentazione dei dati del Centro studi Unioncamere, in un workshop ‘Green economy e green jobs nel cinema italiano’ organizzato in occasione della consegna del Green drop award alla Mostra del cinema di Venezia.

Per l’associazione “anche nel cinema italiano stiamo assistendo a una svolta green” anche se “la strada da percorrere è ancora lunga”. Infatti, “favorire attraverso lo schermo, comportamenti ecosostenibili, porterebbe a importanti riduzioni di emissioni di CO2 nell’aria”. Secondo una stima “se 500 mila spettatori, influenzati dallo schermo, decidessero di ridurre anche solo dell’1% la propria produzione di CO2, si avrebbe un risparmio di 46 mila tonnellate di CO2 che non verrebbero immesse nell’atmosfera; l’equivalente di 46 milioni di metri quadri di boschi in più”.

“Almeno un quarto delle imprese rientra ormai nella green economy – dichiara Marco Gisotti, direttore del Green Drop Award – è ora che anche l’industria cinematografica vada in questa direzione. Proprio in queste ore viene depositata dal presidente della commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci un’interrogazione ai ministri della Cultura e dell’Ambiente per chiedere incentivi anche per le produzioni cinematografiche green”. Tra i casi studio di cinema green, il film ‘Un Angelo all’inferno’, pellicola prodotta da Michele Calì e Federica Andreoli. “Nel cinema italiano – spiega il regista Mimmo Calopresti, presidente di giuria del premio Green drop award – si dovrebbe iniziare a lavorare con una mentalità che includa l’etica ambientale”.

 

(Gc-Ansa)

Questo articolo è stato letto 16 volte.

cinema, film, produzione film

Comments (9)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net