Rocca Calascio, la fortezza d’Abruzzo che fa innamorare il cinema

Condividi questo articolo:

Rocca Calascio, fra i più bei castelli del mondo per il National Geografic, è stato set di molti film di ambientazione medievale. Da Lady Hawke a Il Nome della rosa

 

 

Il volo di un falco e panorami mozzafiato. Basterebbe questo per giustificare una visita a Rocca Calascio, antica fortezza posta a guardia del sottostante borgo di origine medievale. Mentre l’abitato di Calascio si trova a circa 1.200 metri di altitudine, l’antico borgo abbandonato di Rocca Calascio, stretto attorno alla sua fortezza, si trova a oltre 1.400 metri. Ma è salendo ancora verso l’inespugnabile fortezza-castello, una delle più alte d’Europa, che è possibile posare lo sguardo su panorami che lasciano senza parole. Da una parte la catena del Gran Sasso d’Italia, con l’altopiano di Campo Imperatore, dall’altra la Majella e il gruppo del Sirente.

La Rocca ha ispirato moltissimi registi che vi hanno ambientato fiabe e storie di cavalieri e monaci. Il più facile da ricordare è senza dubbio Lady Hawke, del regista  Richard Donner. L’eremita Imperius (Leo Mckern) ha come rifugio proprio le pietre della rocca abruzzese. Il film del 1985 venne girato quasi completamente in Italia fra le Dolomiti e il parco del Gran Sasso e Monti della Laga. Per farne il rifugio del monaco Imperius la rocca venne ‘ingioiellata’, con l’aggiunta di corone alle torri. Di certo la riuscita del film deve molto ai paesaggi dell’Italia centrale (oltre che alla fotografia praticamente perfetta dell’italiano Vittorio Storaro).  Ma i paesaggi mozzafiato e le ruvide rocce fanno di Rocca Calascio un set naturale molto apprezzato. Non è un caso che uno dei più bei film di ambientazione medievale, come “Il Nome della Rosa” vede girare alcune scene tra le ripidi e severe rocce di Calascio. Più in là negli anni si girano i due film italiani “Il viaggio della sposa” e “L’orizzonte degli eventi”. La rocca è visibile anche in alcune scene del film “The American” con George Clooney, interamente girato nella provincia dell’Aquila.

Proprio il cinema ha spinto tra il 1986 ed il 1989 al restauro ed al consolidamento del Castello, diventato oggi una delle principali attrazioni turistiche della zona. Il National Geographic lo ha inserito nell’elenco dei 15 castelli più belli al mondo.

Sotto l’antica torre si trova il Rifugio della Rocca, ristorante, bar e albergo che organizza anche escursioni, arrampicate, e, in collaborazione con l’Officina Musicale di Orazio Tuccella, concerti di musica classica in ambienti emozionanti. Se volete assaggiare la cucina del posto non fatevi mancare lo zafferano. I fiori lillà riempiono i campi attorno alla rocca in autunno e la spezia di qualità pregiatissima viene raccolta a novembre.

 

Arrivare a Rocca Calascio è facile. Dall’autostrada A24 (Roma-Teramo) uscire a L’Aquila Est e seguire le indicazioni per Sulmona. Superato Poggio Picenze, prendere a sinistra per Barisciano. Superato il paese proseguire per S. Stefano di Sessanio e poi Calascio.

as 

Questo articolo è stato letto 14 volte.

Abruzzo, cinema, posti da visitare, Rocca Calascio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net