ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ecco i politici di sinistra finanziati da 'Social Changes', società dell'ex guru di Obama-Università Tor Vergata, TVx Students' speech contest: vince Elisa Draghin-Campari Group, raddoppiata capacità produttiva di Aperol stabilimento Novi Ligure-Savino (Ordine Ingegneri): "Capire i bisogni dei clienti"-Bayern Monaco, Zidane in pole per panchina-Medicina, sindrome intestino irritabile e sistema cardiovascolare sono legati-"Non ha prodotto i risultati auspicati", stop della Rai al programma di Chiara Francini-Ucraina-Russia, Mosca "pronta a colloqui ma non con Zelensky"-Da Provenzano a Bonafoni, ecco i dem finanziati da 'Agenda' vicina a Soros-Bonifico istantaneo, vantaggi e rischi: occhio a revoca e costi aggiuntivi-Attacco hacker ai laboratori Synlab: sospese le attività in tutta Italia-Ai, Iannicelli (Ordine Ingegneri): "Fondamentale dare peso a metrologia scienza trascurata"-Kate Middleton "più popolare di Diana perché rifiuta il ruolo di vittima"-Nave Iuventa, dopo 7 anni tutti prosciolti: non c'era nessun favoreggiamento dell'immigrazione-Donne sottorappresentate negli studi clinici, l’infettivologa: "Con Hiv, più fragili"-Professioni, Salvini: "Trattamento economico migliore per ingegneri che lavorano per Pubblico"-Rai, accordo con Unirai: riconosciuto nuovo sindacato giornalisti-Parigi, uomo in consolato Iran minaccia di farsi esplodere: arrestato-Bper, assemblea nomina cda per triennio 2024-26, 7 posti su 15 a lista Unipol-Attacco Israele all'Iran, cosa è successo e cosa dicono gli Usa

Kyoto: Italia arranca su obiettivi di riduzione delle emissioni

Condividi questo articolo:

Rischio di stop del processo di riduzione delle emissioni di CO2 in Italia, Austria e Lussembrugo, ancora lontane dall’obiettivo del 20-20-20 per riduzione consumi, incremento delle rinnovabili e riduzione dei consumi energetici

Obiettivi di Kyoto ancora distanti per l’Italia che si ferma al 4,8% di taglio di CO2 rispetto ai livelli del 1990 contro la riduzione del 6,5% prevista per il nostro Paese. In complesso però l’Europa dei 27 nel suo complesso prosegue verso il raggiungimento degli obiettivi al 2020. Questo è quanto certificato dall’Agenzia europea dell’Ambiente che oltre all’Italia punta la lente su Austria e Lussemburgo. Ancora dati preliminari dunque ma che indicano una tendenza ancora non positiva che deve essere necessariamente rivista per tagliare le emissioni di CO2 al 2020, del 20% della CO2, del 20% dei consumi di energia e una quota del 20% di consumi da rinnovabili.

A subire le eventuali conseguenze di un mancato raggiungimento degli obiettivi europei però potrebbe non essere solo l’ambiente, ma anche le casse dello Stato. Infatti per chi non rispetterà i parametri fissati in arrivo pesanti multe comminate dalla Corte europea. Intanto però a Bruxelles si sono avviate le consultazioni per avviare una fase 2 di Kyoto con obiettivi che potranno essere ancora più ambiziosi, ma la strada è ancora in salita per via del mancato accordo sulla fase di transizione tra i due impegni e sulla applicabilità a livello globale e non solo in ambito europeo.

Le prime stime per il 2010 in ambito europeo segnalano un incremento del 2,4 % delle emissioni di gas a effetto serra nell’UE rispetto al 2009, dovuto alla ripresa economica verificatasi in molti paesi, nonché a un maggiore fabbisogno di riscaldamento generato da un inverno più rigido. Tuttavia, il passaggio dal carbone al gas naturale e la crescita sostenuta della produzione di energie rinnovabili hanno consentito di arginare l’aumento di queste emissioni. 

(Natale Accetta)

 

 

Questo articolo è stato letto 5 volte.

Agenzia europea dell’ambiente, bruxelles, CO2, Italia, kyoto, obiettivi di Kyoto, protocollo di kyoto, riduzione delle emissioni

Comments (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net