ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ia, Ferri (Ey): "Cambierà l’80% delle professioni nei prossimi cinque anni"-Sostenibilità, concorso EvolveArt: premiate le 8 opere vincitrici-Mahmood, 'Nei letti degli altri' è Disco di Platino-Stop social per under 16 e 'paletti' ai baby influencer: la bozza del ddl-Biden: "Vergognosa richiesta Corte penale internazionale mandato arresto per Netanyahu"-Y7, Ferri (Ey): "E' necessario cambiamento di sistema senza perdere di vista esigenze società"-"Lo chiamate ancora Twitter o X?", la domanda del finto Musk scatena i social-Studentessa romana violentata su nave da crociera, arrestati 3 francesi arrestati-Lavoro, Unobravo: +109,7% malessere psicologico, per 8 italiani su 10 rischio burnout-Ia, Deiana: "Il grande gioco-parte prima, la promessa', il mio libro su scenari trasformazione"-Cannes 2024, il ritorno di Demi Moore con il body-horror 'The Substance'-Controllo qualità farmaci, a Merck Italia gli About Pharma Digital Awards-Ingegneri clinici, 'convegno Aiic di riferimento su tecnologie per Ssn'-Incidente a Barletta, auto contro guardrail: morta bimba di 8 mesi-Ostia, polemiche per chioschi "impacchettati" e lidi storici chiusi-G7, Pelino (Y7): "Periodo storico denso di sfide per giovani"-Food: ecco Streg8, nuovo cocktail con Liquore Strega, Bitter 900 Rosso e Chin8 Neri-G7, Tajani apre summit Youth 7: "Ascolto giovani fondamentale per affrontare sfide"-Ciampino, 27enne trovata morta a casa del capo: si attende autopsia-Arezzo, bimbo cade da finestra: è in codice rosso

Il Parlamento Europeo contro la deforestazione

Condividi questo articolo:

La proposta che porterebbe alla limitazione di alcuni prodotti

Il Parlamento Europeo ha votato a favore di una proposta per combattere il cambiamento climatico a livello globale e per limitare la perdita di biodiversità.

La nuova legge obbligherebbe le imprese a verificare che i beni venduti nell’UE non siano stati prodotti su terreni deforestati o degradati in nessuna parte del mondo. Ciò garantirebbe ai consumatori che i prodotti che acquistano non contribuiscano alla distruzione delle foreste, comprese quelle tropicali insostituibili, e quindi ridurrebbe il contributo dell’UE al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità.

Il Parlamento chiede inoltre alle imprese di verificare che le merci siano prodotte in conformità con le disposizioni internazionali in materia di diritti umani e rispettino i diritti delle popolazioni indigene.

Quali sarebbero i prodotti limitati

La proposta della Commissione riguarda bovini, cacao, caffè, olio di palma, soia e legno, compresi i prodotti che contengono, sono stati alimentati o sono stati realizzati utilizzando tali prodotti (come cuoio, cioccolato e mobili).

Il Parlamento vuole includere anche carne suina, ovina e caprina, pollame, mais e gomma, nonché carbone e prodotti di carta stampata. Gli eurodeputati insistono anche sul fatto che i prodotti non devono essere stati prodotti su terreni disboscati dopo il 31 dicembre 2019 – un anno prima di quanto proposto dalla Commissione.

I paesi potranno usare strumenti di monitoraggio satellitare, audit sul campo, sviluppo di capacità dei fornitori o test isotopici per verificare la provenienza dei prodotti dando accesso a questi dati alle autorità UE.

La Commissione dovrebbe classificare i paesi, o parte di essi, a rischio basso, standard o elevato entro sei mesi dall’entrata in vigore del presente regolamento. I prodotti provenienti da paesi a basso rischio saranno soggetti a minori obblighi.

Con 453 voti a favore, 57 contrari e 123 astensioni il Parlamento è ora pronto ad avviare i negoziati sulla legge finale con gli Stati membri dell’UE.

(fonte: https://www.europarl.europa.eu/news/it/press-room/20220909IPR40140/climate-change-new-rules-for-companies-to-help-limit-global-deforestation)

Luna Riillo

Questo articolo è stato letto 30 volte.

deforestazione, parlamento europeo, prodotti provenienti da terreni deforestati

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net