ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Maradona: La casa natale diventa un memoriale nazionale in Argentina-Omofobia: Rossomando, 'fin dall'inizio obiettivo era affossare ddl Zan'-Omofobia: Orfini, 'contrastare discriminazione, era cosi difficile dire sì?'-Giovannini: "I progetti per le infrastrutture contenute nel Pnrr saranno sostenibili"-Sostenibilità: Acea accelera su economia circolare-**Omofobia: Letta, 'hanno voluto fermare il futuro con inguacchi, ma il Paese è altrove'**-**Palermo: tentata concussione, condannato Presidente Consiglio comunale Orlando**-Omofobia: Giachetti (Iv), 'da dilettanti o da cinici spregiudicati pensare di farcela'-Omofobia: Malpezzi, 'applauso Senato conferma destra mai voluto approvare ddl Zan'-**Omofobia: Orlando, 'pensano di aver fatto dispetto a Pd, ma è sfregio a Italia'**-Omofobia: Picierno (Pd), 'Paese molto più avanti e vuole ddl Zan'-Omofobia: Sbrollini (Iv), 'Pd-M5S mettono pietra tombale su diritti civili'-Omofobia: Lonardo, 'sì convinto a non passaggio ad articoli'-Omofobia: De Poli-Saccone (Udc), 'ora possibile trovare mediazione'-Omofobia: Calderoli, 'se giocano professionisti dilettanti restino in panchina'-Una canzone contro l'artrite psoriasica, ispirata da parole pazienti-**Omofobia: Taricco (Pd), 'giochi sotto banco e rigidità, mi spiace sia andata così**-Omofobia: Serracchiani (Pd), 'affossare legge unico obiettivo della destra'-Omofobia: Conte, 'chi gioisce sabotaggio ddl Zan dovrà renderne conto a Paese'-**Omofobia: Calenda, 'non riusciamo a uscire da maledizione conflitto a tutti i costi'**

Spremute d’arancia in bicchieri di bucce

Condividi questo articolo:

Un dispositivo di design usa le arance per produrre succo da servire in bicchieri usa e getta, creati con le bucce dei frutti che spreme

Lo studio di design internazionale Carlo Ratti Associati ha sviluppato un macchinario che sembra un enorme spremiagrumi, ma che non si limita a servire spremute; ha una produzione circolare sperimentale, che gli permette di utilizzare il filamento ricavato dalle bucce di arancia che avanzano per stampare in 3D tazze usa e getta, permettendo di gustare il succo rinfrescante senza creare il rifiuto del bicchiere.

Questa macchina si chiama «Feel the Peel» e si trova nel «Feel the Peel Juice Bar», che è il nome dell’intero prototipo, un vero e proprio chiosco di spremute, progettato in collaborazione con la società energetica globale Eni. Si tratta di una macchina spremiagrumi arancione alta 3 metri e sormontata da un’enorme cupola composta da una spirale circolare, che può contenere fino a 1.500 arance. La stampante 3D è installata alla base.

Una volta effettuato l’ordine per il succo appena spremuto, parte la danza: le arance scivolano verso il basso fino allo spremiagrumi, che estrae il succo dalle due metà; poi le bucce cadono attraverso un tubo e vanno ad accumularsi sul fondo della macchina, dove vengono essiccate, macinate e mescolate con acido polilattico (PLA), che le converte in materiale bioplastico. A quel punto, la bioplastica viene riscaldata e fusa in un filamento, che viene utilizzato dalla stampante 3D integrata nella macchina per creare, sul posto, tazze riciclabili che vengono riempite con il succo.

Il prototipo, molto innovativo, è uno studio di come anche le più semplici azioni quotidiane della nostra vita possano far parte di un’economia circolare a zero sprechi.

Questo articolo è stato letto 60 volte.

arance, bioplastica, Carlo Ratti Associati, design, Designer, economia circolare, eni, Feel the Peel, prototipo, riciclo, spremiagrumi, stampante 3d, stampanti 3D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net