ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Motomondiale: Bagnaia, 'Mondiale? Finché posso provare a vincerlo non mollo'-Motomondiale: Marquez, 'a Misano punto a stare vicino ai migliori, difficile ripetere Aragon'-Ruby ter: 'salta' perizia su Berlusconi, da fissare a breve nuova udienza a Milano-Covid: bozza dl, taglio tempi green pass, valido subito non più a 15 giorni da prima dose-Nautica, Toti: "Un padiglione luogo simbolo della guerra al Covid"-Covid: bozza dl, organi costituzionali si adeguino entro 15 ottobre-Cecchi: "Grande crescita settore Nautica, spinta per ripartenza Paese"-Covid: bozza dl, sospensione e stop stipendio senza green pass, ma no licenziamento-**Covid: in bozza dl nessun riferimento a smart working**-Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori, bozza decreto-**Covid: bozza dl, 'datori lavoro tenuti a verifica green pass, controlli a ingresso'**-**Scherma: Fis, Cerioni ct del fioretto, Tarantino della sciabola e Chiadò della spada**-**Scherma: Fis, Cerioni ct del fioretto, Tarantino della sciabola e Chiadò della spada** (3)-Basket: morto a 77 anni Dusan Ivkovic, allenò la Jugoslavia campione del mondo nel '90-Covid oggi Lazio: 314 contagi, 149 a Roma. Bollettino 16 settembre-**Covid: bozza dl, 'obbligo green pass anche per settore privato, stesse norme Pa'**-Covid: bozza dl, multe da 600 a 1500 euro per chi è senza green pass in posto lavoro-**Covid: bozza dl, 'tamponi gratis per chi non può vaccinarsi'**-M5s: Comincini, 'Conte prenda le distanze da insulti e violenze'-M5s: Rossi (Pd), 'violenze e minacce non devono avere spazio'

Niente più pelle proveniente dal Brasile

Condividi questo articolo:

L’azienda proprietaria di Timberland, Vans e Kipling afferma che non acquisterà più pelle brasiliana, perché non vuole che i suoi prodotti contribuiscano a danneggiare il pianeta

Sono passati esattamente dieci anni da quando, durante l’estate del 2009, la società di scarpe Timberland ha dichiarato che non avrebbe più acquistato pellami brasiliani, provenienti da aree recentemente deforestate della foresta pluviale amazzonica. In dieci anni, non solo niente è cambiato, ma le cose sono addirittura peggiorate. E così, anche la VF Corporation, casa madre di Timberland e di altri marchi, ha annunciato che non comprerà più la pelle brasiliana, a causa degli incendi violenti che ci sono stati in Amazzonia, che hanno mostrato un’inadeguata gestione ambientale, da parte del governo, del bene mondiale che la foresta rappresenta.

Gli incendi sono stati al centro di grandi dibattiti e scontri nelle ultime settimane, con gran parte delle persone e delle autorità mondiali che esprimevano una preoccupazione molto seria per la loro estensione e la loro durata e il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, che continuava a insistere sul fatto che tutto fosse sotto controllo.
Il legame tra un’azienda come la VF Corporation e gli incendi in Amazzonia è che la pelle delle scarpe è un sottoprodotto del settore delle carni bovine, che sono alla base degli incendi, in quanto molti dei roghi iniziali sono stati provocati proprio da allevatori di bestiame o agricoltori, che cercavano di liberare la terra per il pascolo.

La VF Corporation ha dichiarato che non acquisterà più pelli dal Brasile fino a quando non avrà la certezza che i materiali utilizzati nei suoi prodotti non contribuiscano al danno ambientale nel paese. Oltre a Timberland, VF Corporation possiede, tra gli altri, Vans, Dickies, Smartwool, The North Face, Icebreaker, Jansport e Kipling. Un cliente non grande ma molto importante perché vendere ai marchi famosi porta a vendere anche ad altri.

Nel campo della moda delle calzature, recentemente sono state lanciate linee ecosostenibili e 100% biodegradabili, come quelle di Native Shoes, azienda canadese fondata nel 2009: un’ecoinvenzione di cui Ecoseven si è occupata.

 

Questo articolo è stato letto 33 volte.

Amazzonia, brasile, deforestazione, incendi, Kipling, pellame, scarpe, Timberland, Vans

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net