spiaggia di sabbia verde

Cosa si nasconde sotto una spiaggia di sabbia verde

Condividi questo articolo:

spiaggia di sabbia verde

Se la sabbia della spiaggia è verde cosa vuol dire e che effetti ha sul nostro pianeta?

L’idea che sta alla base del Project Vesta è davvero incredibile: invertire il riscaldamento globale grazie allo spargimento di alcuni elementi di roccia sulle spiagge. In modo che l’oceano, una volta che prende quegli elementi in consegna, possa poi rimuovere l’anidride carbonica.

Ovviamente è una maniera semplificata per spiegare questa idea. Ma di fatto quello che si vuole fare è sostanzialmente accelerare un processo naturale.

Quando la pioggia cade sulle rocce vulcaniche, infatti, le sgretola e le sparge nell’oceano.

Una volta che si trovano in acqua, le rocce vengono ulteriormente ridotte e si innesca una reazione chimica che estrae l’anidride carbonica dall’atmosfera e la porta nell’acqua sotto forma di bicarbonato, una molecola che aiuta a far crescere i gusci degli organismi marini e viene immagazzinata come calcare sul fondo dell’oceano.

Per accelerare questo processo naturale, Project Vesta vuole macinare l’olivina – un silicato grigio-verde comune che si sgretola rapidamente – e diffonderlo sulle spiagge e nei mari poco profondi del mondo.

In laboratorio ha funzionato, quindi adesso verrà testato nel mondo reale, in una spiaggia pilota nei Caraibi.

Gli scienziati hanno lavorato molto per trovare un sito adatto. Adesso, in pochi mesi, dopo aver misurato a fondo lo spazio, copriranno la spiaggia con l’olivina macinata e poi inizieranno il monitoraggio.

Come ha spiegato a Fast Company il direttore del progetto Tom Green, non ci deve essere nessuna preoccupazione circa la possibilità che l’olivina rilasci nichel (o altri metalli pesanti) nell’acqua, visto che questo nichel non sarà biodisponibile, quindi non danneggerà le specie marine.

Lo studio pilota, comunque, monitorerà le concentrazioni di metalli per valutare l’impatto della vita reale sulla sabbia, sull’acqua e sugli organismi marini locali.

Oltre a rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera, il Project Vesta spera anche di invertire la crescente acidità dell’oceano – e di diventare, perché no?, un’attrazione turistica. Gli scienziati si aspettano di vedere un impatto positivo sulla loro spiaggia pilota entro un anno: se avrà successo, lavoreranno con i governi interessati per espandere il progetto.

 

 

Questo articolo è stato letto 25 volte.

anidride carbonica, olivina, project vesta, riscaldamento globale, rocce, spiaggia, verde

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net