parassita

Un parassita al posto della lingua

Condividi questo articolo:

parassita

Gli scienziati scoprono un parassita che mangia la lingua dei pesci e poi la sostituisce

Racconta l’Huffington Post che i funzionari del Texas Parks and Wildlife Department hanno scoperto uno strano parassita che mangia la lingua dei pesci e prende il suo posto: una scoperta unica nel suo genere che racconta di come questo parassita sostituendosi all’organo della cavità orale poi, per sopravvivere, si metta a banchettare con il muco nella sua bocca.

Questo isopode – un Cymothoa exigua o un Cymothoa excisa – è una strana creatura che gli scienziati hanno visto dal vivo della bocca di un pesce del Galveston Island State Park e gli hanno anche fatto una foto che ha fatto il giro dei social, lasciando molti utenti sconcertati.

È la prima volta che gli scienziati scoprono una pratica animale di questo tipo, spiega l’Huffington Post, è “l’unico esempio noto di un parassita che sostituisce un organo del suo ospite“. In sostanza, il parassita diventa parte del pesce per sopravvivere grazie al muco escreto nella bocca del pesce, anche se non è chiaro cosa questo comporti per il pesce a lungo termine. Gli scienziati attualmente non sono in grado di spiegare come ciò possa essere possibile, ma i funzionari del Texas Parks and Wildlife Department affermano che il parassita “non uccide i pesci né colpisce gli esseri umani“.

Tuttavia, la notizia ha sollevato parecchi interrogativi sulla salute, nonostante le rassicurazioni che sono state fornite dagli stessi funzionari in un post su Facebook. Molti utenti dei social media, infatti, hanno trovato la notizia allarmante: il parassita nella bocca del pesce sembra uscito dritto dritto da un film horror.

Questo articolo è stato letto 17 volte.

lingua dei pesci, parassita, parassita al posto della lingua, parassita dei pesci, pesci

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net