ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Crosetto: "Conte critichi se stesso, governo sta dando esecuzione a decreti precedente esecutivo"-Tennis: Sampdoria, Baldini promosso coordinatore tecnico della prima squadra-Grimaldi (Alis): "Iper tassazione su trasporto marittimo peserà su imprese e turisti"-Fisco: As Mediobanca, 'in 2021 con fiscalità agevolata risparmio giganti websoft 12,4 mld'-Calcio: Jordi Cruyff, 'Messi e il Barcellona meritano un ultimo ballo insieme'-Fisco: As Mediobanca, 'in 2021 giganti websoft hanno versato in Italia tasse per 150 mln'-Pd: Sarracino, 'ha ragione Lepore, chiamiamoci partito democratico del lavoro'-Internet: As Mediobanca, 'in 2021 giro affari 25 maggiori websoft mondiali pari a 90% Pil Italia'-**Ucraina: Conte, 'Meloni abbandona lavoratori in difficoltà e ingrassa lobby armi'**-Internet; As Mediobanca, 'in 2022 ricavi alle stelle per Uber, Booking ed Expedia'-Pd: Benifei, 'bene Lepore, terreno comune di cui fare tesoro'-Copasir: Richetti, 'rinvio grave, governo non sottovaluti comitato'-Salario minimo: Orlando, 'non è contrapposto a contrattazione'-Altroconsumo l'iniziativa di charity ideata insieme a La Tartaruga onlus-Ucraina: intelligence russa, 'Polonia vuole annetterne alcune regioni''-Malattie immuno-mediate e biosimilari, nasce il 'Manifesto sociale'-Ucraina: deputati Pd-Idp, 'soddisfatti da ok a nostra mozione'-Salario minimo: Roggiani (Pd), 'governo vuole che lavoro resti povero e precario'-Pnrr, Fitto: "Ora mettere i progetti a terra"-Lombardia: Majorino, 'rispetto Moratti ma se voleva dialogo perché votava con Fontana?'

Reinventare le città per i bombi

Condividi questo articolo:

È quanto vorrebbe fare un gruppo di ricercatori dell’Università di Padova

I bombi sono una specie di ape indispensabile per l’impollinazione di diverse piante di frutta e verdura: pomodori, zucchine, lamponi, albicocche ecc…

Come ha sottolineato Costanza Geppert, ricercatrice del Dipartimento Agricoltura, animali, alimenti, risorse naturali e ambiente dell’Università di Padova ad AGI: “La loro funzione principale è quella dell’impollinazione, il trasporto dei gameti dalla parte maschile del fiore a quella femminile. Nella realtà il 95% delle piante a fiore ha bisogno degli insetti, e se poi non riescono a fiorire significa che non riescono a fare il frutto. Questo vuol dire che la pianta non riesce a riprodursi si spoglia e muore”.

Secondo quanto comunicato dalla FAO il 35% degli impollinatori è in pericolo di estinzione e le cause principali sarebbero l’agricoltura e l’utilizzo di pesticidi e insetticidi ma anche il cambiamento climatico, che infierisce su alcuni equilibri esistenti fra piante e impollinatori.

Come si possono ripensare le città per incentivare l’impollinazione

Lo studio del gruppo di ricerca dell’Università di Padovaè finalizzato a favorire il radicamento degli impollinatori nelle città”: l’obiettivo è quello di creare aree in cui questi piccoli animali possano svolgere quello che è il loro compito naturale, che aiuta sia la natura a svilupparsi che l’uomo a cibarsi.

Si potrebbero costituire delle aiuole per i bombi, in cui riuscirebbero a integrarsi in poco tempo, perché ritroverebbero un ambiente familiare e ottimale.

Il cambiamento climatico sta rendendo più difficile il lavoro ai bombi.

A causa dell’aumento delle temperature, le piante che avevano trovato il loro clima ideale in alcune aree e a determinate altitudini, si vedono infatti costrette a spostarsi, a risalire, per cercare una temperatura più consona al proprio sviluppo. Le alte temperature hanno anche sballato i tempi di fioritura e di sviluppo di frutta e verdura: anche questo ha coinciso a rendere più confuso e meno equilibrata l’impollinazione da parte dei bombi (e anche di tutti gli altri insetti che svolgono questa funzione).

La ricercatrice Geppert, nel corso dell’intervista ad Agi, ha anche voluto rimarcare quanto e come i gruppi e le associazioni di quartiere si stiano interessando al posizionamento di piante in determinati punti della città. Questo può aiutare gli insetti impollinatori e in particolare in questo caso ai bombi, di contribuire all’impollinazione.

Negli ultimi tempi l’attenzione verso questo tipo di problematiche sta crescendo rispetto agli anni precedenti, probabilmente perché tutti stanno assistendo a quelli che sono gli effetti reali dei cambiamenti, che allora erano stati solo annunciati.

La speranza è che diventi un tema ancora più caldo e che possa rientrare nell’interesse di tutti, conquistando i primi posti nelle agende politiche di tutto il mondo.

Luna Riillo

Questo articolo è stato letto 16 volte.

bombi, città per i bombi, estinzione degli impollinatori, impollinatori

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net