ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Lega: sindaco Sesto San Giovanni, 'entro da moderato, mio percorso coerente'-Dl Agosto, ipotesi bonus ristorante con rimborso al 20%-Sostenibilità: 'Rivoluzione idrogeno', il libro di Alverà per cambiare il clima-"Un genitore su 3 ha rinviato le vaccinazioni dei figli con il Covid'-Fase 3: da Unicredit finanziamento leasing da 2,9 mln a Reithera con garanzia Sace-Lidl aderisce al Global Compact delle Nazioni Unite-Farmaci: direttore Aifa consegna a Mattarella rapporto su uso nel 2019 e durante Covid-Dalla transizione energetica alle persone, primo Bilancio di Sostenibilità per Q8-Migranti: nave quarantena a Lampedusa, proseguono trasbordi-Case: Covid non frena prezzi, nuovo aumento dell’1,4% a luglio-Case: Covid non frena prezzi, nuovo aumento dell’1,4% a luglio (2)-Messina: donna scomparsa con il bimbo dopo incidente, testimoni 'si è allontanata a piedi'-Messina: mamma e bimbo scompaiono dopo incidente stradale, ricerche in corso-Menarini: "Pipeline Stemline aumenterà la nostra capacità di R&D"-Titoli Stato: spread Btp-Bund apre in aumento a 158 punti-Messina: 'ospiti del Centro accoglienza avviate alla prostituzione', nove misure cautelari-Messina: 'ospiti del Centro accoglienza avviate alla prostituzione', nove misure cautelari (2)-Migranti: arrivata nave quarantena a Lampedusa, inizia trasbordo ospiti hotspot-Migranti: arrivata nave quarantena a Lampedusa, inizia trasbordo ospiti hotspot (2)-Francia: Tesoro 'congela' Morgan Stanley, per 3 mesi stop status 'specialista'

Proteggiamo le giraffe

Condividi questo articolo:

Finalmente le giraffe hanno ottenuto la protezione CITES e tutto quello che essa comporta

È di questi giorni la notizia che le giraffe abbiano ottenuto la meritata tutela. I delegati della World Wildlife Conference di Ginevra hanno, infatti, votato per aggiungere le giraffe nell’appendice II della “Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione” (CITES).

I paesi da ora, dunque, saranno tenuti a rilasciare documentazioni specifiche prima di esportare o importare parti di giraffa. Ciò significa che, al fine di ottenere i permessi, un’autorità scientifica dello stato deve decretare che il commercio non sarà dannoso per la sopravvivenza della specie. Secondo il Natural Resources Defense Council (NRDC), il numero delle giraffe è diminuito del 40% negli ultimi tre decenni, che denota una situazione che si può definire «estinzione silenziosa»: la perdita di habitat, il bracconaggio, la caccia ai trofei, le malattie e il commercio delle parti di questi animali ha messo le giraffe nei guai, più in pericolo degli elefanti. L’International Union for the Conservation of Nature (IUCN) ha classificato come minacciate di estinzione sette delle nove sottospecie di giraffe esistenti.

Questi ruminanti dal lungo collo si trovano in 21 paesi dell’Africa sub-sahariana, sei di questi – Repubblica centrafricana, Ciad, Kenya, Mali, Niger e Senegal – hanno presentato la proposta per limitare il commercio indiscriminato di parti delle giraffe. Gli Stati Uniti, l’Unione Europea, la Nuova Zelanda, gran parte dell’America meridionale e centrale e 32 nazioni africane hanno appoggiato la proposta.

Un particolare concreto ma anche curioso riguarda l’Amministrazione postale delle Nazioni Unite (APNU) che, da oltre 20 anni, emette francobolli per richiamare l’attenzione sulla necessità di tutelare le specie minacciate di estinzione in tutto il mondo.

Questo articolo è stato letto 11 volte.

commercio illegale, convenzione CITES, giraffa, giraffe, rischio estinzione, tutela specie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net