uccello

Cosa è successo agli uccelli durante la pandemia?

Condividi questo articolo:

uccello

Anche gli uccelli durante la pandemia si sono messi a fare qualcosa di nuovo per passare il tempo

A quanto raccontano gli scienziati, quando San Francisco è stata chiusa per la pandemia, non sono state solo le persone costrette a stare dentro casa a lanciarsi in nuovi progetti per passare il tempo, anche gli uccelli hanno fatto la stessa cosa.

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Science, mostra che il passero corona bianca, un uccello che vive nelle aree urbane e rurali, ha risposto all’improvvisa pace e tranquillità imparando un nuovo modo di cantare.

Racconta Wired che, non dovendo urlare i suoi cinguettii per superare i rumori della città, l’uccello ha potuto concentrarsi sul rendere più complesso il suo richiamo – che un’altra affascinante fotografia di come la pandemia, e il modo in cui abbiamo risposto, abbia cambiato il mondo che ci circonda.

E così i passeri sono riusciti a rendere molto più attraente e diversificato il loro canto.

“La pandemia è stata terribile in molti modi”, ha detto a Wired Elizabeth Derryberry, ecologa comportamentale dell’Università del Tennessee e autrice principale dello studio. “Ma come scienziato, c’è una specie di questa eccitante opportunità per un esperimento naturale in questa cosa: rimuoviamo il rumore da un intero paesaggio sonoro e vediamo cosa succede“.

La ricerca nasce da un’opportunità senza precedenti di studiare l’adattamento animale.

Gli scienziati hanno provato gli uccelli a volumi più alti, ma non potevano riuscire a portarli da soli a un livello inferiore, vista la una linea di base esistente. Quando questo è stato possibile, gli ornitologi li hanno potuto osservare un cambio di volume che li ha resi più silenziosi, ribaltando anche molti presupposti da cui gli scienziati erano sempre partiti.

“Anche se cantano più dolcemente, ora puoi sentire gli uccelli a una distanza maggiore”, ha detto Derryberry a Wired.

 

Questo articolo è stato letto 1.971 volte.

coronavirus, inquinamento acustico, Nuovo modo di cantare degli uccelli, pandemia, uccelli

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net