virus

COVID19: per i sopravvissuti battere il virus è solo l’inizio

Condividi questo articolo:

virus

Quali conseguenze lascia il virus a chi rientra a casa dopo settimane di ventilatore meccanico?

Cosa succede ai pazienti ricoverati in ospedale con gravi sintomi di COVID-19, alcuni dei quali hanno trascorso settimane a respirare con l’aiuto di un ventilatore meccanico, quando rientreranno a casa?

Molti di loro con un’alta probabilità si dovranno confrontare con gli effetti persistenti del virus e dei trattamenti di emergenza che gli hanno permesso di sopravvivere.

“Il problema che dovremo affrontare di più nei prossimi mesi è come aiuteremo queste persone a riprendersi”, afferma Lauren Ferrante, medico pneumologo e di terapia intensiva presso la Yale School of Medicine.

Il COVID-19, infatti, aggredisce tutto il corpo.

Perché se è vero che colpisce i polmoni, la mancanza di ossigeno e l’infiammazione diffusa possono anche danneggiare i reni, il fegato, il cuore, il cervello e altri organi.

Da un lato le pratiche ospedaliere che mantengono i pazienti in terapia intensiva più lucidi e mobili possibile potrebbero migliorarne il decorso post terapia intensiva.

Dall’altro, purtroppo, come abbiamo avuto modo di vedere in più occasioni dalle terribili immagini provenienti dai luoghi di maggior contagio, la tensione, lo stato di stress e di emergenza del sistema sanitario, unitamente alla natura infettiva del virus, stanno rendendo difficile attenersi ad alcune di queste pratiche.

E se è vero che oggi il COVID19 coinvolge anche i più giovani, resta il fatto che sono più anziani a maggior rischio sia di malattia grave che di compromissione a lungo termine.

Ad affermarlo Sharon Inouye, geriatra della Hebrew SeniorLife Health della Harvard Medical School. “Ci è voluto molto, molto tempo per [sviluppare] alcune pratiche per l’assistenza geriatrica in ospedale e in terapia intensiva, e tutto questo oggi è stato cancellato per via della crisi.”

Sebbene sia presto per dire quali disabilità permanenti dovranno affrontare i sopravvissuti di COVID-19, alcuni studi sulla polmonite grave – un’infezione che infiamma le sacche d’aria nei polmoni, come fa COVID-19 – possono fornire importanti elementi.

Alcune di queste infezioni, infatti, passano alla sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), in cui quelle sacche si riempiono di liquido. Tale condizione a volte porta a cicatrici che possono causare problemi respiratori a lungo termine, dice Lauren Ferrante, ma gli studi dimostrano, per fortuna, che la maggior parte dei pazienti con ARDS alla fine recupera la funzione polmonare.

Dopo qualsiasi grave caso di polmonite, una combinazione di malattie croniche sottostanti e l’infiammazione prolungata, inoltre, sembrano aumentare il rischio di malattie future, tra cui infarto, ictus e malattie renali, afferma Sachin Yende, epidemiologo e medico di terapia intensiva presso l’Università di Pittsburgh.

Uno studio del 2015 condotto dal suo team ha evidenziato che le persone ricoverate in ospedale per polmonite hanno un rischio di malattie cardiache nell’anno successivo di circa quattro volte superiore a quello che emerge dai controlli di pazienti coetanei e circa 1,5 volte più alto nei successivi 9 anni. Il COVID-19 potrebbe provocare “un grande aumento di questo tipo di eventi”, afferma l’epidemiologo.

I pazienti che trascorrono del tempo in terapia intensiva, poi, indipendentemente dalla malattia che li ha portati lì, sono anche inclini a una serie di problemi di salute fisica, cognitiva e mentale, noti come sindrome da terapia post – intensiva.

Il nuovo coronavirus, dunque, potrebbe mettere i sopravvissuti in terapia intensiva a rischio particolare per alcuni di questi problemi, afferma Dale Needham, un medico di terapia intensiva presso la School of Medicine della Johns Hopkins University.

Uno dei motivi è il danno polmonare eccezionalmente grave che porta molti malati a trascorrere periodi prolungati attaccati ad un ventilatore in sedazione profondaUn paziente con ARDS causato da altre malattie potrebbe aver bisogno su questo supporto vitale per 7-10 giorni, stima Needham, ma alcuni pazienti con coronavirus richiedono più di 2 settimane.

Coloro che sopravvivono a lungo attaccati ad un ventilatore sono soggetti a atrofia muscolare e debolezza.

Mantenere un paziente in condizioni critiche in movimento – alzando le braccia e le gambe e infine aiutandolo a sedersi, alzarsi e camminare – può ridurre quella debolezza e farli uscire dalla ventilazione assistita più velocemente. Ma poiché il COVID19 è così contagioso, portare specialisti in riabilitazione nelle stanze dei pazienti è complicato, dice Needham.

Molti malati gravi da COVID-19, che hanno bisogno di ventilazione polmonare, non guariscono mai.

Anche se i tassi di sopravvivenza variano tra studi e paesi, un rapporto del Centro nazionale di audit e ricerca di terapia intensiva di Londra ha scoperto che il 67% dei pazienti con COVID-19 segnalati dall’Inghilterra, dal Galles e dall’Irlanda del Nord che ricevevano “supporto respiratorio avanzato” è deceduto; mentre in Uno studio condotto in un gruppo di pazienti più piccoli in Cina solo il 14% è sopravvissuto dopo aver utilizzato un ventilatore.

Questo articolo è stato letto 86 volte.

compromissione a lungo termine, coronavirus, COVID19, distress respiratorio acuto, guarigione, postvirus

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net