Basta test sugli animali!

Condividi questo articolo:

L’EPA promette la fine delle sperimentazioni

L’Environmental Protection Agency (EPA) ha annunciato un progetto che potrebbe rendere molto felici gli animalisti: vuole ridurre i test sugli animali e interrompere il finanziamento dei test sui mammiferi entro il 2035. L’amministratore dell’EPA, Andrew Wheeler, ha promesso di diminuire i nuovi test sui mammiferi del 30% entro il 2025 e ha anche promesso un finanziamento di 4,25 milioni di dollari per lo sviluppo di soluzioni alternative (e non animali), per testare la sicurezza chimica dei prodotti.

Ovviamente, sono in molti a mettere in dubbio le motivazioni dell’agenzia federale. Il Natural Resources Defense Council (NRDC), per esempio, ha suggerito che questa decisione, più che per aiutare gli animali, abbia a che fare con la riduzione dei costi, visto che le aziende chimiche necessarie per eseguire i test sugli animali sono molto costose.

Ma il punto controverso non è solo questo, alcuni scienziati temono che la modellistica matematica e gli altri approcci di sperimentazione non animale non replicheranno efficacemente il sistema fisiologico umano e che, quindi, diventi più difficile identificare le componenti chimiche nei prodotti e difendere la nostra salute.

Associazioni come People for the Ethical Treatment of Animals (PETA), invece, che lavorano da sempre per impedire che gli animali siano costretti a ingerire o inalare sostanze chimiche tossiche, si dicono fiduciose: pensano che i moderni modelli alternativi proteggeranno efficacemente non solo l’uomo, ma anche gli animali e l’ambiente.

 

Questo articolo è stato letto 106 volte.

ambiente, Epa, laboratorio, mammiferi, prodotti chimici, salute, sicurezza, sicurezza chimica, Sperimentazione animale, test su animali

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net