elefanti

154 elefanti in Botswana muoiono inspiegabilmente

Condividi questo articolo:

elefanti

Chi sono i responsabili della morte degli elefanti?

Il 18 giugno 2020, in Botswana, sono misteriosamente morti 154 elefanti. Quando è successo, i funzionari responsabili della fauna selvatica hanno detto di aver investigato sulla causa di quelle morti.

Secondo una dichiarazione rilasciata recentemente dalla Botswana Wildlife Conservation, risulta che gli elefanti siano stati uccisi dai cianobatteri.

I cianobatteri sono un tipo di alghe che si trovano in molte acque calde e calme in tutto il mondo.

Alcune specie di queste alghe blu-verdi possono produrre tossine dannose per altri organismi, compreso l’uomo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità spiega che le persone che sono esposte a tossine cianobatteriche bevendo o facendo il bagno in acque infette possono manifestare sintomi quali irritazione della pelle, crampi allo stomaco, vomito e febbre.

Allo stesso tempo, animali, uccelli e pesci possono essere avvelenati dai batteri se presenti nelle acque in alta quantità.

A maggio e giugno, è stata sollevata una grande preoccupazione dopo che diversi elefanti sono morti in Botswana, nel delta dell’Okavango.

Secondo i funzionari del Botswana, un totale di 330 elefanti sono morti in soli due mesi, spingendo le indagini sulle reali cause della morte. Come raccontato da BBC News, i risultati sono stati pubblicati dopo diversi mesi di test in laboratori specializzati in Sud Africa, Zimbabwe, Canada e Stati Uniti.

Sebbene molti degli elefanti siano stati trovati vicino a pozze d’acqua, i funzionari della fauna selvatica non credevano che fossero stati i cianobatteri ad ucciderli perché le fioriture di alghe blu-verdi compaiono principalmente lungo i bordi dell’acqua, mentre gli elefanti bevono tipicamente dal centro dell’abbeveratoio – avendoli trovati con le zanne intatte, il bracconaggio è stato subito escluso.

Scienziati e funzionari della fauna selvatica stanno ancora cercando possibili misure che potrebbero essere prese per fermare tali morti in futuro.

 

Questo articolo è stato letto 24 volte.

alghe blu, botswana, cianobatteri, elefanti, elefanti morti

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net