ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: Conte resiste, 'no lockdown imminente', ma Macron e Merkel aprono strada-Coronavirus: Conte resiste, 'no lockdown imminente', ma Macron e Merkel aprono strada (2)-Coronavirus: Vacca (M5S), 'Francia chiude tutto tranne scuole, da Puglia schiaffo'-Italiani e gioco d'azzardo, indagine Swg presentata a convegno Formiche-Giochi, Canali: "Adm pronta ad una strategia di contrasto dell’illegalità"-**Caso Saguto: legale ex giudice, 'cade imputazione su 20 mila euro nel trolley'**-Giochi, Canali: "Adm pronta ad una strategia di contrasto dell’illegalità"-Psa: avvia cessione 7% di Faurecia-Giochi, Baretta: "Lavorare assieme ai Concessionari per recuperare reputazione"-Caso Saguto: duro colpo al 'cerchio magico', 8 anni e mezzo all'ex giudice/Adnkronos (2)-Caso Saguto: duro colpo al 'cerchio magico', 8 anni e mezzo all'ex giudice/Adnkronos (4)-Frosini (Lottomatica Holding): "Necessario riordino sistema giochi"-Caso Regeni: Fioramonti, 'su vendita fregate a Egitto deludente risposta Farnesina'-Espcom: "Superbonus accelera transizione energetica"-**Caso Saguto: legale giudice assolto, 'restituita dignità a magistrato serio e onesto'**-**Caso Saguto: pm Paci, 'finalmente c'è una sentenza'**-Caso Saguto: viene meno il reato di associazione per delinquere-Caso Saguto: legale Cappellano, 'ipotesi accusatoria ha retto solo in parte'-Wekiwi: "Investire in rinnovabili è possibilità di rilancio per economia"-Caso Saguto: legale ex giudice,'ridimensionato quadro indiziario, soddisfatti per questo'

Dissalare l’acqua del mare, risparmiando energia

Condividi questo articolo:

Dissalare l’acqua del mare risparmiando energia e’ possibile, grazie ad una nuova tecnologia di approvvigionamento idrico sostenibile, realizzata dall’azienda Oasys Water

 

Dissalare l’acqua del mare risparmiando energia è possibile, grazie ad una nuova tecnologia realizzata nell’ambito dell’approvvigionamento idrico sostenibile. Si tratta, in pratica, di un sistema innovativo, messo a punto dalla società americana ‘Oasys Water’, che si basa sull’uso del calore e su un particolare principio meccano-chimico chiamato ‘forward osmosis’, dove l’acqua di mare viene spinta con una pressione elevata verso delle speciali membrane che, simili a dei ‘setacci molecolari’, lasciano passare solamente l’acqua dolce e pura. Questo principio, in parte, è simile al processo utilizzato dagli attuali impianti ad ‘osmosi inversa’, con l’unica differenza che la ‘forward osmosis’ utilizza molto meno calore ed energia ed è in grado di ridurre di circa il 30% il costo della dissalazione.

Per dissalare l’acqua del mare infatti, vengono attualmente utilizzati dei sistemi ad ‘osmosi inversa’ che, forzando il flusso idrico attraverso le ‘membrane depurative’, richiedono delle tubature ad alta pressione, le cui temperature devono aggirarsi tra i 70 ed i 100 °C. Il nuovo sistema della Oasys Water invece, non ha bisogno dello stesso consumo di energia, visto che è in grado di lavorare, con tubature standard, tra i 40 e i 50 °C, (temperature, queste, che possono essere prodotte convogliando il calore di scarto di impianti energetici vicini alla struttura di dissalazione).

Per dissalare l’acqua del mare, il nuovo sistema della Oasys Water, richiede quindi soltanto un decimo dell’energia elettrica rispetto ad un normale impianto ad osmosi inversa. Tutto questo, ovviamente, è stato possibile anche grazie agli sforzi degli scienziati che sono riusciti a ridurre notevolmente lo spessore della ‘membrana depurativa’ dell’impianto, aumentandone contemporaneamente la sua porosità. Simili cambiamenti hanno quindi consentito un passaggio d’acqua estremamente veloce tra i lati della membrana, senza la necessità di dover ricorrere ad integrazioni di energia.

Per dissalare l’acqua, il sistema della Oasys Water sfrutta un principio di funzionamento molto semplice: dal lato esterno della ‘membrana depurativa’ si trova il mare, dall’altro invece, è presente una soluzione contenente alte concentrazioni di biossido di carbonio ed ammoniaca (usata nel processo di purificazione e riscaldamento del liquido). L’acqua quindi, passando attraverso la membrana, si arricchisce di queste sostanze per essere depurata e viene successivamente riscaldata affinché il biossido di carbonio e l’ammoniaca possano evaporare. Attraverso questo processo, l’acqua dolce viene quindi isolata, mentre il biossido di carbonio e l’ammoniaca vengono catturati allo stato gassoso e riutilizzati in seguito.

Dissalare l’acqua del mare con il sistema della Oasys Water, rappresenta quindi una soluzione innovativa ed economica rispetto a tante altri impianti utilizzati nello stesso settore. Una tecnologia, questa, che dopo una prima fase di sperimentazione è già disponibile sul mercato, pronta ad essere impiegata soprattutto in quelle zone del mondo dove la possibilità di approvvigionamento idrico dipenda quasi esclusivamente dalla loro sovrabbondanza di acqua salata.

(Matteo Ludovisi)

Questo articolo è stato letto 26 volte.

acqua, dissalare, energia, mare, tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net