ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Riaperture palestre in zona gialla da 1 giugno-Grillo: avvocato di un indagato, 'sono innocenti, Bongiorno porti quel video ma sono perplesso...'-Grillo: avvocato di un indagato, 'sono innocenti, Bongiorno porti quel video ma sono perplesso...' (2)-Copyright: Fieg, 'bene recepimento direttiva, ora rapido esercizio della delega'-Covid: bozza dl, pass verde vale 6 mesi per guariti e vaccinati, 48 ore con test-**Grillo: Marcucci, 'Conte? Lascia perplessi, nessuna vera presa di distanza di M5S'**-Grillo: Provenzano, 'aberrante, ma alleanza con M5s dipende da evoluzione con Conte'-**Sky: Ibarra si dimette, lascerà a fine luglio**-Covid: bozza dl, dal 1/7 in zona gialla ok terme, parchi tematici e lunapark-Covid: bozza dl, da 1/7 in zona gialla tornano fiere, convegni e congressi (2)-Covid: bozza dl, previste sanzioni per chi falsifica pass verde, anche carcere-Roma: Zevi, 'le mie tre proposte per le primarie del centrosinistra'-Covid: bozza dl, scuola torna in presenza, superiori al 50% no deroghe da Regioni-Covid: bozza dl, deroghe a scuola in presenza solo per focolai virus-Covid: bozza dl, flessibilità per scuola, in zone gialle e arancione minimo 60% in presenza-Diritto autore: Siae, la direttiva copyright entra nell’ordinamento italiano-Ue: Stefano, 'legge delegazione in linea con obiettivi Next Generation Eu'-Covid: bozza dl, da 1/6 in zona gialla ristoranti anche al chiuso, consumo al tavolo fino alle 18-Covid: bozza dl, dal 26/4 in zona gialla torna calcetto, ok sport contatto ma no spogliatoi-Covid: bozza dl, in zona gialla da 15/5 piscine all'aperto, da 1/6 tornano palestre
cibo

Quantità sbalorditive di cibo vengono distrutte per colpa del Coronavirus

Condividi questo articolo:

cibo

Mancando le reti di distribuzione ed essendoci meno esercizi commerciali aperti, i magazzini si riempiono di cibo e gli agricoltori sono in una situazione di grande difficoltà

Gli effetti della pandemia di Coronavirus sul circuito dell’alimentazione colpiscono in vari modi: con le scuole chiuse, gli hotel chiusi, i ristoranti chiusi, il turismo azzerato e tutto il resto, molti ordini di prodotti freschi sono stati annullati e tante colture vengono lasciate in mezzo ai terreni a marcire perché tanto non hanno alcun modo di essere distribuite.

È questa la condizione terribile in cui si trovano molti agricoltori. Cercano di piantare nuove colture sperando che l’economia si riavvii quando saranno pronte per essere raccolte.

Un articolo del New York Times descrive milioni di chili di cavolo e fagiolini che vengono distrutti nel sud della Florida e in Georgia. Decine di migliaia di chili di cipolle sepolte in trincee nell’Idaho e il 5% della fornitura di latte del paese che viene buttato quotidianamente – un numero che potrebbe raddoppiare se le chiusure si protraessero per altri mesi.

Milioni di uova di gallina vengono eliminate per evitare di allevare animali da macello per un mercato che non c’è più e anche l’industria della pesca è in difficoltà, poiché i due terzi della fornitura di frutti di mare viene normalmente consumata in esercizi commerciali che ora sono chiusi.

Che cosa possiamo fare?

I magazzini di tutto il mondo sono pieni e l’arretrato dei prodotti è globale, la concorrenza sarà rigida da parte dei fornitori internazionali e molti agricoltori temono che i loro consueti punti vendita all’ingrosso non riaprano una volta terminata la crisi perché molti ristoranti hanno chiuso.

Molto difficile a dirsi, spiega il New York Times, specialmente in un paese come gli Stati Uniti, dove si dovrebbe recuperare questo cibo pensato per l’ingrosso in modo da condividerlo in imballaggi più piccoli – e non è uno scherzo.

Ma questo ci porta a fare una riflessione più ampia, anche sul nostro paese: ci sono molte organizzazioni dal basso che stanno cercando di darsi far per creare dei sistemi virtuosi per ridistribuire i beni e fornire aiuto alle persone in difficoltà, ma senza un aiuto dall’alto sarà molto difficile impedire che il cibo marcisca.

Il messaggio è chiaro e vale come monito per il futuro: il modo in cui coltiviamo, distribuiamo e acquistiamo cibo deve cambiare.

 

Questo articolo è stato letto 45 volte.

agricoltori, cibo, colture, coronavirus, difficoltà, distribuzione

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net