pazienti

Coronavirus: come posizionare i pazienti per migliorare la loro condizione?

Condividi questo articolo:

pazienti

Mettere i pazienti in una posizione inclinata, con la pancia verso il letto, è un modo efficace per tenerli in vita durante la terapia intensiva

Secondo quanto raccontato dalla CNN, gli operatori sanitari stanno scoprendo che mettere i pazienti di COVID-19 proni, in posizione semisupina, li aiuta molto quando la loro condizione è talmente grave che si trovano in terapia intensiva.

«Stiamo salvando vite umane così, al cento percento», ha detto alla CNN Mangala Narasimhan, direttore regionale per le cure critiche presso la Northwell Health di New York . «È una cosa talmente semplice da fare e abbiamo riscontrato notevoli miglioramenti. Possiamo vederlo per ogni singolo paziente».

L’idea è di aiutare i pazienti a ottenere l’ossigeno necessario nei loro polmoni posizionandoli sulla parte anteriore.

In un caso, un paziente dell’ospedale ebraico di Long Island nel Queens ha visto il suo tasso di saturazione di ossigeno passare dall’85% al 98% una volta posto sullo stomaco, riporta la CNN.

«Mettendoli a pancia in giù, apriamo parti del polmone che prima non erano aperte», ha detto alla CNN Kathryn Hibbert, direttrice della terapia intensiva medica presso il Massachusetts General Hospital .

Uno studio del 2013 pubblicato sul New England Journal of Medicine aveva scoperto che una posizione così inclinata contribuiva a ridurre i tassi di mortalità per i pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto grave, un tipo di insufficienza respiratoria causata dall’infiammazione nei polmoni che è come quella che i pazienti con casi gravi di COVID-19 stanno vivendo.

Quello studio, tuttavia, aveva esaminato solo i pazienti che erano in terapia con i ventilatori, il che significa che non era chiaro cosa sarebbe successo ai pazienti che non erano così gravemente malati.

Uno studio più recente, pubblicato a marzo e condotto in un ospedale di Wuhan, in Cina, epicentro della pandemia globale, ha scoperto che sdraiarsi a pancia in giù era in alcuni casi più utile che applicare una pressione positiva sui polmoni usando i ventilatori nei pazienti COVID-19 .

Nonostante i primi successi, questi studi hanno ancora dimensioni limitate e potrebbero non essere generalizzabili. Molti pazienti potrebbero anche non essere fisicamente in grado di trascorrere tutto il giorno in quella posizione.

I ricercatori stanno facendo ulteriori studi in merito.

 

Questo articolo è stato letto 48 volte.

coronavirus, COVID19, pazienti, polmoni, posizione semisupina

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net