ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)-Covid oggi Germania, 69.601 contagi e 527 morti-Festa dell'Immacolata, Papa chiede alla Madonna "il miracolo della cura"

In Cina il vino parla francese

Condividi questo articolo:

I cugini d’Oltralpe ci hanno visto lungo e già 15 anni fa hanno puntato sul mercato cinese per esportare i propri vini. Oggi le etichette francesi sono le prime dei menu e vanno dai 37 ai 10mila euro

I cinesi amano il vino italiano, ma adorano quello francese. E danno vita a una vera e propria “corsa al Castello” comprando casali e cantine: le proprietà di Bordeaux finite nelle mani dei cinesi negli ultimi anni sono almeno una dozzina.

Secondo il quotidiano Sud Ouest, altri quindici Chateaux sarebbero in procinto di essere ceduti. Le operazioni di compravendita, di solito, sono accompagnate da joint venture commerciali con trading company che si occupano di vino basate a Hong Kong. Ma se arrivano i “nuovi” rimangono i “vecchi”. Gli ex titolari delle tenute vitivinicole infatti, si spostano addirittura in Cina per insegnare i segreti dell’enologia francese.

Ultimo caso è quello dell’attrice e cantante pop Zhao Wei, la stella più popolare del cinema cinese che ha acquistato lo Château Monlot, una volta di proprietà di Beatrice Musset e del marito Bernard Rivals. E non solo castello e vitigni, ma anche tutte le scorte di bottiglie Monlot presenti nelle cantine oltre al vino ancora in barrique.Un pacchetto il cui valore sembra essere intorno ai 5 milioni di euro.

D’altronde i francesi ci hanno visto lungo. Circa quindici anni addietro nessuno osava parlare di vino a Pechino oppure a Shangai e non si vendeva una sola bottiglia di vino di qualità. In questo lasso di tempo la Francia ha fatto passi enormi: il consumo pro capite è di circa 0,5 litri per abitante per un anno, ma le stime prevedono che la cifra raddoppi da qua al 2014. E già il 47 per cento dell’importazioni di vino parla francese. Il vino francese viene considerato in Cina come un prodotto di lusso ed anche un “oggetto” del desiderio. Nei ristoranti trendy e lussuosi la carta dei vini inizia sistematicamente con i vini francesi, con prezzi che variano tra i 350 yen (37€) ed i 100000 yen (10500€).

(Nereo Brancusi)

Questo articolo è stato letto 68 volte.

cantine, carta dei vini, castelli, Cina, etichette, export, vino, vino francese, vino italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net