ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ministero Lavoro: "Ecco Sviluppo Lavoro Italia agenzia per attuazione politiche attive"-Infortuni, D'Ascenzo: "Nuova banca dati Inail per strategie prevenzione sempre più precise"-Manageritalia, +8,1% donne dirigenti nell'ultimo anno, dal 2008 raddoppiate in gestione-Fiere, Casaidea: "Artigianato di qualità innovazione e tante idee per abitare l'esterno"-Turismo: AlUla presenta 'Forever Revitalising', prima campagna di promozione globale-Sardegna, Muscas (Confapi Donna): "Frantumato tetto di cristallo, ora via muro imprese-burocrazia"-Sardegna, l'imprenditore Agabio: "Speranza che nuova giunta dialoghi con aziende tech locali"-Turismo, dal 10 al 17 marzo a Milano va in scena la Ireland Week-Dal Consorzio della mozzarella di bufala campana Dop una maxi treccia tricolore a Mattarella-Roma Couture, l'Alta Moda Capitolina torna in passerella-Sardegna, Durante (Cgil): "Da Todde ci aspettiamo dialogo sociale, pronti a collaborare, agire su emergenze"-Altroconsumo, più consapevolezza che pensione non basterà ma 1 su 3 non fa nulla-Cida: "Politica si faccia carico del ceto medio, il pilastro che sostiene l’Italia"-Sardegna, De Pascale (Confindustria) a Todde: "In primi 100 giorni sbloccare Grandi opere"-Sardegna, Giachetti (Aidda): "Vittoria Todde oltre contingenza politica, è donna di talento"-Da Milano-Bicocca i corsi 2024-2025, c'è anche Management per gli studenti lavoratori-Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi
ormoni

Ormoni nella carne: attenzione alle etichette

Condividi questo articolo:

ormoni

In Italia il problema degli ormoni nella carne dovrebbe essere superato, ma attenzione alle etichette. Frodi alimentari all’ordine del giorno

Verso la fine degli anni ’50, si è cominciato ad utilizzare farmaci in campo zootecnico, per migliorare le rese negli allevamenti. Questa pratica, negli anni, ha destato molte preoccupazioni per la salute dei consumatori, specie nei bambini, in quanto questi farmaci (principalmente ormoni) si ritrovavano nella carne che poi veniva mangiata.

Essendo interferenti endocrini, queste sostanze sono in grado di provocare effetti tossici, anche a dosi molto basse. Inoltre i bambini, essendo più sensibili, andavano incontro ad alterazioni dell’apparato riproduttore, sia maschile che femminile.

Verso l’inizio degli anni ’60, l’Italia reagì energicamente a tale problematica, emanando una serie di normative che vietavano l’uso di ormoni o sostanze ad attività ormonale negli allevamenti di carni destinate al consumo umano.

La presenza, anche residuale, di tali sostanze nella carne è un problema molto serio e non va sottovalutato.

Fortunatamente in Italia la questione è ben regolamentata ed è difficilissimo trovare carni che abbiano ormoni o sostanze ad azione simile con valori fuori limite. Perciò è indispensabile affidarsi ad esercizi commerciali autorizzati e in regola con i controlli sanitari.

Inoltre è indispensabile leggere sempre le etichette che devono riportare la provenienza delle carni, ossia dove l’animale nasce, viene allevato e macellato. Solo in questo modo siamo sicuri di quello che mangiamo. Se ci si affida anche ai prodotti DOP e IGP, si è doppiamente sicuri in quanto il produttore è obbligato a seguire un preciso disciplinare di produzione.

Nonostante ciò, le frodi in ambito alimentare sono all’ordine del giorno ed è bene prestare molta attenzione, specie sulla provenienza delle carni. Il consiglio che posso dare è quello di affidarsi esclusivamente al mercato italiano, che offre una garanzia di sicurezza.

Paolo Gozzo

Bibliografia:

Direttiva 96/22/CE
Sito EFSA

Questo articolo è stato letto 114 volte.

carne, etichette, ormoni carne, sicurezza alimentare

Comments (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net