Spesa: italiani attenti al prezzo e all’ambiente

Condividi questo articolo:

Nel fare la spesa gli italiani sono sempre piu’ attenti ad evitare gli sprechi e all’ambiente, alla qualita’ del cibo e al prezzo

Gli italiani che fanno la spesa sono sempre più attenti ai prezzi, alla qualità e all’ambiente. A dirlo è un identikit che emerge dalla prima rilevazione Doxa commissionata da Simply su stili, abitudini e desideri degli italiani alle prese con la spesa.

A testimoniare che gli italiani sono più attenti all’ambiente e ad evitare gli sprechi è il fatto che il 76% della popolazione non esce di casa per recarsi a fare la spesa se prima non ha preso con sé gli shopper riutilizzabili. Il 62%, poi, prima di recarsi al supermercato fa la lista della spesa, anche se solo il 58% degli intervistati, pensa alle ricette da preparare passando in rassegna gli scaffali del supermercato. Dimostrazione, poi, che gli italiani siano sempre più attenti all’ambiente è il fatto che il 73% di questi accoglie di buon grado tutte le soluzioni messe a disposizione del punto vendita (dal carrello in plastica riciclata ai prodotti sfusi) per tutelare l’ambiente, mentre un terzo preferisce recarsi a fare la spesa evitando di prendere l’auto. E per la maggior parte, poi, un prodotto biologico negli scaffali è segno di valore aggiunto al luogo dove si fa la spesa.

Italiani attenti alla qualità, all’ambiente ma anche al prezzo, come dimostra il fatto che il 46% degli intervistati dichiara di sfogliare il volantino prima di entrare nel punto vendita per conoscere eventuali prodotti scontati. La ricerca costante di prodotti sani, preferibilmente nel supermercato di fiducia, unita a una spiccata attenzione al prezzo sono gli elementi su cui il 90% degli intervistati si trova d’accordo.

Questo articolo è stato letto 33 volte.

ambiente, italiani, spesa, sprechi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net