ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fi: Vito, 'ancorati a centrodestra? Con governo Draghi è ora navigare in mare aperto'-Covid: Fratoianni, 'interrogazione su mascherine per studenti affetti da sordità'-**Vitalizi: M5S, 'su Formigoni scelta Lega-Fi, noi andremo fino in fondo'**-Mafia: Rossomando a Meloni, 'difesa legalità coerentemente a Costituzione'-F1: Di Maio a Gp Imola incontra medici, 'siete esempio per tutto Paese'-Tav: Grimaldi (Si), 'cessino violenze, prefetto apra tavolo con enti locali'-Ue: Gozi, 'raccogliere eredità a 70 anni Trattato di Parigi'-Vitalizi: Di Nicola (M5S), 'in gioco credibilità istituzioni'-Tav: Scalfarotto, 'dissenso legittimo ma non violenze'-Domenica In, le lacrime di Mara Venier: "Ciao Carmela"-Scuola: sottosegretario Sasso, 'soluzione è stabilizzazione docenti per titoli e servizio' (2)-Vitalizi: Evangelista (M5S), 'faccia chiarezza Corte costituzionale'-Covid: Meloni, 'commercio al dettaglio in ginocchio per ottusa politica Conte e Draghi'-Teatro: dall'esordio con Edoardo all'avventura con Arbore, i 70 anni di Marisa Laurito-Teatro: dall'esordio con Edoardo all'avventura con Arbore, i 70 anni di Marisa Laurito (2)-**Giustizia: Mirabelli (Pd), 'proposta Meloni su ergastolo ostativo irricevibile'**-Covid: Fedriga, 'lockdown totale oggi non funzionerebbe'-Scuola: Fedriga, 'problema c'è, intervenire su orari entrate e uscite'-Covid: Fedriga, 'su vaccini prima i più a rischio, per turismo Regioni valutino disponibilità'-**Arte: Monet star all'asta a New York con le sue ninfee giganti il 12 maggio**

Meta’ del cibo prodotto finisce nella spazzatura

Condividi questo articolo:

La meta’ del cibo che viene prodotto non viene consumato e finisce nella spazzatura. La colpa del grende spreco sta nelle date di scadenza, nelle offerte e nei metodi agricoli non adeguati

La metà del cibo prodotto nel mondo finisce nella spazzatura, senza essere riciclato. La notizia è impressionante: metà del cibo prodotto non viene consumato,ma gettato via, a causa delle date di scadenza troppo ravvicinate o causa di metodi agricoli, strutture e magazzini non adeguati. Ad annunciare la triste verità è un rapporto dell’istituto britannico Mechanical engineers.

Il rapporto, Global food, waste not , want not, mette in rilievo, per la prima volta, gli sconvolgenti dati: tra il 30% e il 50% degli alimenti preparati per il consumo non arrivano mai sul piatto dei consumatori. Sembra quasi assurdo: mentre nel mondo milioni di bambini muoiono di fame, milioni di tonnellate di cibo vengono buttate via.   

In particolare, tra le cause dello spreco del cibo, il rapporto individua, per i Paesi sviluppati, le date di scadenza troppo ravvicinate, le offerte ‘compri 2 al prezzo di uno’, e l’ossessione per il cibo esteticamente perfetto, e per i Paesi in via di sviluppo, le pratiche agricole, le strutture e i magazzini inadeguati.

Lo spreco del cibo non riguarda, ovviamente, solo i prodotti ‘finiti’. In Gran Bretagna, ad esempio, circa il 30% delle verdure coltivate non vengono mai raccolte e questo si traduce, in concreto, con lo spreco – oltre che delle stesse verdure – di qualcosa come 550 miliardi di metri cubici  d’acqua utilizzati per innaffiare prodotti che non raggiungeranno mai i consumatori. Tim Fox, responsabile energia ambiente per l’ istituto britannico Mechanical engineers, ha affermato: ‘Il quantitativo di cibo sprecato e perso in tutto il mondo è vertiginoso. Questo cibo potrebbe essere usato in prospettiva per alimentare la popolazione mondiale, in costante aumento, come per far fronte ai bisogni di chi soffre la fame oggi. E tutto ciò implica anche uno spreco non necessario di terra, acqua e energia.I governi e le agenzie internazionali, e l’Onu in particolare, dovrebbero lavorare di concerto per fare in mondi di cambiare la mentalità della gente e scoraggiare le pratiche di spreco di contadini, produttori di cibo, supermercati e consumatori’.

(gc)

Questo articolo è stato letto 8 volte.

alimentazione, cibo, spazzatura, spreco cibo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net