Orto urbano: 1 italiano su 4 coltiva sul balcone. Esplode il fai da te agricolo

Condividi questo articolo:

Aumenta la ‘moda’ dell’orto sul balcone, complice la crisi, secondo i dati di Coldiretti, molti italiani preferiscono coltivare in casa insalate e pomodori, ma non solo

E’ boom del ‘fai da te’ agricolo, complice la crisi e l’arrivo della primavera. Un italiano su 4, secondo la Coldiretti, si cimenta nel mini orto casalingo, con coltivazione da balcone di lattughe, pomodori, piante aromatiche, peperoncini, zucchine, melanzane, ma anche di piselli, fagioli fave e ceci da raccogliere all’occorrenza. Un milione di italiani peró, secondo Nomisma, non si accontenta di ‘lavorare’ il balcone e diventa ‘hobby farmer’ in terreni spesso ereditati la cui superficie media è 1 ettaro, dove coltivare non solo ortaggi e frutta, ma anche produrre vino e olio.

Convenienza? Forse no, sicuramente tanta passione e soddisfazione. I prezzi per una confezione di piantine di melanzana, peperoni o zucchine, informa la Coldiretti, costa da 1,5 a 1,8 euro per un plateau di 6 pezzi, piú care zucchine e fave che costano da 1,8 a 2 euro; prezzi da saldo per l’insalata, solo 12 centesimi a pianta per un plateau da 10.

Per chi preferisce curare il ciclo completo e vuol partire dal seme puó trovare bustine di diverse varietà a 0,90 centesimi. Piú care le piante piú cresciute da 14 cm, al prezzo di 2,50-3,50 euro, poco meno di 3 euro, invece per le piantine officinali. Le piú richieste sono le piantine di insalata, piú semplici da coltivare e rapide da raccogliere (40 giorni) e di pomodori, soprattutto le varietà per fare il sugo in casa. (fonte: ansa)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

insalate, italiani coltivano orto sul balcone, orto sul balcone, orto urbano, pomodori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net