ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ia, Ferri (Ey): "Cambierà l’80% delle professioni nei prossimi cinque anni"-Sostenibilità, concorso EvolveArt: premiate le 8 opere vincitrici-Mahmood, 'Nei letti degli altri' è Disco di Platino-Stop social per under 16 e 'paletti' ai baby influencer: la bozza del ddl-Biden: "Vergognosa richiesta Corte penale internazionale mandato arresto per Netanyahu"-Y7, Ferri (Ey): "E' necessario cambiamento di sistema senza perdere di vista esigenze società"-"Lo chiamate ancora Twitter o X?", la domanda del finto Musk scatena i social-Studentessa romana violentata su nave da crociera, arrestati 3 francesi arrestati-Lavoro, Unobravo: +109,7% malessere psicologico, per 8 italiani su 10 rischio burnout-Ia, Deiana: "Il grande gioco-parte prima, la promessa', il mio libro su scenari trasformazione"-Cannes 2024, il ritorno di Demi Moore con il body-horror 'The Substance'-Controllo qualità farmaci, a Merck Italia gli About Pharma Digital Awards-Ingegneri clinici, 'convegno Aiic di riferimento su tecnologie per Ssn'-Incidente a Barletta, auto contro guardrail: morta bimba di 8 mesi-Ostia, polemiche per chioschi "impacchettati" e lidi storici chiusi-G7, Pelino (Y7): "Periodo storico denso di sfide per giovani"-Food: ecco Streg8, nuovo cocktail con Liquore Strega, Bitter 900 Rosso e Chin8 Neri-G7, Tajani apre summit Youth 7: "Ascolto giovani fondamentale per affrontare sfide"-Ciampino, 27enne trovata morta a casa del capo: si attende autopsia-Arezzo, bimbo cade da finestra: è in codice rosso

Caffè Arabica a rischio scomparsa, tutta colpa del fungo della ruggine

Condividi questo articolo:

Il fungo della ruggine sta minaccando le piantaggioni di caffè Arabica, nel Centro America. La miscela potrebbe presto estinguersi

Il fungo della ruggine minaccia le piantagioni di caffè del Centro America. Il parassita, particolarmente vorace, ha già danneggiato più di un terzo delle coltivazioni della miscela Arabica di Honduras, Guatemala, Nicaragua, Salvador, Costa Rica e Panama. Questo fungo, che deve il suo nome al colore che dà alle foglie, ha colpito il 35% dei 958 mila ettari coltivati a caffè. Secondo fonti del settore consultati dall’agenzia francese Afp, la perdita totale in America Centrale ammonterebbe a due milioni di sacchi di 46 chili per l’anno caffè, nel periodo che va ottobre 2012 a settembre 2013, per un danno da circa 300 milioni di dollari.

È da settembre 2012 che il fungo che minaccia il caffè Arabica ha iniziato a diffondersi, principalmente a causa della mancanza di prevenzione, ma anche a causa del calore e siccità causata dal riscaldamento globale. ”La situazione è grave, se non si prendono provvedimenti peggiorerà”, avverte Josè Buitrago, presidente dell’Associazione degli esportatori di caffè del Nicaragua, uno dei paesi più colpiti dalla ”Hemileia vastatrix”, capace di decolorare e mangiare lentamente il fogliame delle piantagioni. Nei sei Paesi colpiti l’industria del caffè dà lavoro a più di un milione e mezzo di persone, oltre ad altre centinaia di migliaia che sopravvivono grazie all’indotto al momento del raccolto. Secondo l’Associazione Caffè Nazionale (Anacafè), attualmente, sono a in pericolo circa 200mila posti di lavoro.  

E la situazione tende a peggiorare. Basti pensare che già a novembre l’allarme-estinzione per l’Arabica per effetto dei cambiamenti climatici fu lanciato, sulle pagine di Plos One, da uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dei giardini botanici reali di Kew, in Gran Bretagna, in collaborazione con ricercatori etiopici.

(dp – fonte Ansa)

Questo articolo è stato letto 32 volte.

agricoltura, caffè, centro america, Costa Rica, fungo della ruggine, Guatemala, Honduras, miscela arabica, Nicaragua, Panama, parassiti, Salvador

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net