ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Giustizia: domani conferenza stampa 'Riformismo e libertà' su referendum-Vaccino Covid, Burioni: "Nessuna variante supera immunità"-Egitto: Verducci, 'augurio a Zaki è che dia lettera a Segre in Senato'-Eutanasia: Perantoni, 'politica deve assumersi sue responsabilità'-Caso Regeni: Ungaro (Iv), 'da Procura egiziana insulto a memoria ricercatore'-Inps, al via convenzione 'Inps per tutti, rete agile di Welfare' con Caritas Ambrosiana-Lombardia: Bolognini a Pavia 'coinvolgere giovani in prima legge regionale per loro'-Lombardia: Bolognini a Pavia 'coinvolgere giovani in prima legge regionale per loro' (2)-Lombardia: triplicati ettari coltivati a nocciole, Rolfi, 'filiera locale non dipenderà da import'-Musica: venerdì 25 alla Scala pubblico torna in platea per recital di Maurizio Pollini-Putin: "Per Biden killer? Soddisfatto da sua spiegazione"-Quirinale: Mattarella riceve presidente Consob Savona-**Tragedia Mottarone: Morcellini, 'pubblicare il video è pornografia del dolore'**-Manageritalia, per dirigenti terziario rinnovo contratto rinviato al 2022 senza costi aggiuntivi-Federer crolla con Auger Aliassime, è fuori ad Halle-Monza: all’Autodromo apre pista kart nell’area interna Parabolica, tracciato di 480 metri-**Arte: inchiesta opere De Dominicis, resta a Roma procedimento per Sgarbi e altri venti**-Tridico: "Inps partecipe nel sostegno alla ripartenza"-Calcio: Sassuolo, Dionisi è il nuovo allenatore-Maturità, preside Righi (Roma): "i protagonisti sono gli studenti non i prof, vanno capiti ruoli"

Agricoltura ‘blu’, il caso vincente del Veneto: produrre il massimo col minimo sforzo

Condividi questo articolo:

Più biodiversità, meno costi aziendali e maggiore rispetto per l’ambiente. Unico contro, una minore resa produttiva. Ma solo all’inizio. E’ questo in sintesi il messaggio che ci dà l’agricoltura blu. Il caso del Veneto che si può esportare nel resto della Penisola

Agricoltura Blu è “solo uno slogan”, in verità si tratta di “un’agricoltura conservativa”. A precisarlo è Lorenzo Furlan, dirigente del settore ricerca agraria di Veneto Agricoltura, l’azienda agricola regionale che per prima ha operato nella direzione di una sperimentazione sul campo “che comprende un sistema di pratiche agronomiche finalizzate a contenere i processi di degradazione della struttura del terreno coltivato e ad aumentare la capacità di conservazione dell’acqua nel profilo del suolo”.

Il Veneto è la prima regione che è partita con un Piano per lo Sviluppo rurale – Psr – dedicato all’agricoltura “blu”. In poche parole si tratta di ottimizzare la resa cercando di produrre il massimo con il minimo sforzo. Si tratta di sperimentare tecniche innovative tese a tutelare la risorsa suolo e al contempo a ridurre le emissioni di gas clima-alteranti in atmosfera. “Ciò viene perseguito grazie alle presunte minori esigenze energetiche del sodo rispetto alle lavorazioni tradizionali e grazie alla capacità di questo tipo di pratiche di preservare le riserve di carbonio del suolo”, spiega ancora Furlan.

Ad esempio il mantenimento della qualità della risorsa idrica viene perseguito mediante l’ampliamento del periodo in cui i terreni sono interessati dall’attività radicale delle colture, le quali agiscono da filtro naturale dell’azoto presente nella soluzione circolante del terreno. I plus sono “più biodiversità, meno costi aziendali e maggiore rispetto per l’ambiente”. E i contro? “Una minore resa produttiva”, spiega il dirigente di Veneto Agricoltura. “Ma solo all’inizio”, garantisce.

 

Nereo Brancusi

 

Questo articolo è stato letto 21 volte.

acqua, agricoltura, ambiente, Biodiversità, clima, colture, costi, emissioni, resa produttiva, Sviluppo rurale, veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net