ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Morte Martina Rossi, Cassazione annulla assoluzioni-Morte Martina Rossi, Cassazione annulla assoluzioni-**Governo: Renzi tende mano 'pronti a confronto', continua pressing su gruppi Iv**-**Governo: Renzi tende mano 'pronti a confronto', continua pressing su gruppi Iv** (2)-Governo: Renzi, 'astensione segno di incertezza? No, di aprirsi a compromesso'-Governo: Renzi, 'invece di 'compro, baratto, vendo', tornate alla politica'-Covid, Debellini (Th Resorts): "Non apriremo nostri hotel per stagione invernale"-Covid Italia, Uiltucs: senza stop licenziamenti 800mila a rischio nel turismo-**Governo: Renzi, 'non ci prenderete mai come dei Ciampolillo qualsiasi'**-Governo: Renzi, 'a Conte e gli altri dico 'stop polemiche', se confronto ci siamo'-Pci: D'Alema, 'c'è bisogno di una nuova forza unitaria della sinistra'-Governo: Castelli ritwitta Di Maio, 'consolidamento no a scapito valori M5S'-Governo: Cdm convocato alle 21.45-**Fumetti: è morto Jean Graton, il creatore del pilota Michel Vaillant**-**Fumetti: è morto Jean Graton, il creatore del pilota Michel Vaillant** (2)-**Governo: ex M5S ricevuti da Conte, 'parlato di Antimafia, non chiediamo poltrone'**-Governo: verso Cdm alle 22, ipotesi delega ai servizi sul tavolo-Stellantis: da Melfi a Cassino, il tour di Tavares conferma attenzione a Italia/Adnkronos-Stellantis: da Melfi a Cassino, il tour di Tavares conferma attenzione a Italia/Adnkronos (2)-**Governo: anche a Camera grana 'costruttori', strada in salita per deroga a gruppo Tabacci**

Obesita’ infantile potrebbe causare Alzheimer

Condividi questo articolo:

Un sovrappeso importante potrebbe portare allo sviluppo dell’ Alzheimer fin da adolescenti

 

L’obesità potrebbe portare anche ad uno sviluppo dell’ Alzheimer. A lanciare l’allarme sono i ricercatori dell’ Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che hanno scoperto negli adolescenti obesi livelli elevati di una proteina, la β 42 amiloide, coinvolta proprio nel processo di insorgenza e sviluppo di queste patologie. Nei pazienti che sviluppano demenza senile e Alzheimer, infatti, la proteina si accumula nel cervello formando placche ed ammassi neurofibrillari. I chili di troppo, quindi, non rappresenterebbero solo un problema per diabete, steatosi epatica, danni alla retina e cardiopatie, ma anche demenza senile o Alzheimer.

La ricerca del Bambino Gesù è la prima nel panorama internazionale ad aver indagato i livelli di questa proteina e la correlazione tra obesità infantile e rischio di Alzheimer. Dallo studio, che ha coinvolto 440 giovani (101 bambini tra i 2 e i 6 anni e 339 adolescenti) sia di peso normale che non, è emerso che gli adolescenti obesi e con insulino-resistenza (alterazione del metabolismo molto frequente nelle persone con obesità) presentavano aumentati livelli di β 42 amiloide. Quanto più i livelli di questa proteina sono alti, tanto maggiore potrebbe essere il rischio che questi giovani sviluppino demenza senile e Alzheimer in età adulta.

Le alterazioni della proteina non sono state invece riscontrate nei bambini in età prescolare: questo ha suggerito ai ricercatori del Bambino Gesù che gli aumentati livelli di β 42 amiloide richiedono una lunga esposizione all’obesità e all’insulino-resistenza. Vale a dire che quanto più a lungo e gravemente il bambino è obeso e insulino-resistente, tanto più elevati sono i livelli attesi di questa proteina che depositandosi a livello cerebrale può causare demenza e Alzheimer.

 

‘L’obesità in sé non è una patologia vera e propria, è piuttosto un insieme di fattori di rischio: di sviluppare malattie cardiovascolari, cancro e oggi sappiamo anche demenza progressiva e Alzheimer’, spiega Melania Manco, endocrinologa e ricercatrice del Bambino Gesù. ‘L’associazione tra obesità, diabete mellito e morbo di Alzheimer è nota. Si parla del morbo di Alzheimer anche come diabete di tipo 3, ma è importante aver dimostrato, per la prima volta, che la storia naturale di questa terribile malattia incomincia precocemente, già durante l’adolescenza. Ancora una volta, i risultati delle nostre ricerche indicano quanto gravi possano essere le conseguenze dell’obesità pediatrica e quanto importante sia la prevenzione’.

gc

Questo articolo è stato letto 9 volte.

Alzheimer, Bambino Gesù di Roma, obesità, obesità Roma, Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net