ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Bike sharing, cittadini soddisfatti solo in 3 città su 10-Dl semplificazioni: Furlan, 'affidamento diretto opere ma servono controlli'-Fase 3: Furlan, 'appesantire buste paga lavoratori e pensionati'-Lavoro: Bombardieri, 'coprire cig almeno fino a fine 2020 e continuare con blocco licenziamenti'-Camera: Fico, '80 mln risparmi a operatori sanitari e terremotati'-Lavoro: Furlan, 'basta con annunci, Governo passi ora da parole ai fatti'-Energia: riqualificazione energetica, Gse e Provincia Autonoma Bolzano al fianco Comuni-Energia: riqualificazione energetica, Gse e Provincia Autonoma Bolzano al fianco Comuni (2)-Tumori, a Roma seconda conferenza annuale Soho Italy-**Ponte Genova: Huffington Post, le basi per ponte ai Benetton le ha messe Toninelli**-5G: Le Maire, 'nessuna discriminazione ma Francia difenderà indipendenza e sicurezza'-Francia: Le Maire, 'ci diamo 2 anni per ritrovare nostri livelli economici'-Ocse: superindice, ripresa migliora ma resta fragile-Turismo: Gelmini, 'governo sottovaluta crisi, danno incalcolabile per Paese'-Italtel: Fiom, governo convochi subito il tavolo al Mise-Fdi: Carfagna, 'solidarietà a Meloni, chi informa non istighi violenza'-Eurispes: regolamenti regionali e limiti orari mettono a rischio tante sale Bingo-Fase 3: settore nautico, da decisioni governo a rischio chiusura per centinaia aziende settore-Fase 3: settore nautico, da decisioni governo a rischio chiusura per centinaia aziende settore (2)-Usa, da Fda via libera a 'Iqos' come prodotto a ridotta esposizione

Il 2016 sarà l’anno più caldo di sempre

Condividi questo articolo:

Secondo un’agenzia dell’Onu stiamo vivendo ind diretta il surriscaldamento globale

Stiamo vivendo l’anno più caldo della storia secondo gli scienziati dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (Wmo) che hanno presentato uno studio preliminare in vista della Cop22 sul clima che si terrà a Marrakech.

La media mondiale, ne periodo gennaio-settembre, è stata di 1,2 gradi superiore al periodo preindustriale. E a conferma che stiamo vivendo un periodo di cambiamento c’è il fatto che il precedente record apparteneva al 2015…

Sempre nella stessa occasione è stato presentato uno studio sulle emissioni globali di CO2: risultano rimaste stabili negli ultimi tre anni a fronte di una crescita delle economie. Questo studio, pubblicato sulla rivista Earth System Science Data ci fa sperare in un sistema economico più pulito, anche se non si può parlare di svolta, come spiegano gli esperti: “E’ una grande notizia quella che le emissioni di CO2 sono rimaste stabili negli ultimi tre anni ma è troppo presto per affermare che il picco sia stato raggiunto”, afferma il coautore dello studio Glen Peters, del Centro di Ricerca Internazionale sul Clima e l’Ambiente di Oslo.
Riassumendo, negli ultimi anni, a fronte di una crescita mondiale del il del 3%, si è registrata una crescita delle emissioni dell’1%.
“È difficile dire se il rallentamento sia a causa di una ristrutturazione di successo e lineare dell’economia cinese o un segno di instabilità economica”, spiega Peters. “Tuttavia – avverte – l’imprevista riduzione delle emissioni cinesi dà la speranza che il più grande emettitore mondiale possa raggiungere obiettivi ancora più ambiziosi”.

Pe quanto riguarda gli Stati Uniti, bisogna ricordare che il declino del carbone ha avuto un impatto positivo: “Vale la pena notare che eolico, solare e gas continuano a sostituire il carbone nella produzione di energia elettrica degli Stati Uniti. I piani di Trump di rivitalizzare il settore del carbone potrebbero non essere in grado di contrastare le forze di mercato esistenti”, conclude Peters.

Questo articolo è stato letto 3 volte.

clima, Global warming, onu, Surriscaldamento globale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net