Flash News:
Post title marquee scroll
Renault: Macron, 'lunedì tavolo su dossier, prestito di 5 mld dipenderà da esito'-Coronavirus: in Sicilia tre nuovi contagi e un solo decesso-Coronavirus: Crimi, 'arroganza Lega senza limiti, commissione a Iv è paravento'-Federpol: "No a guardie civiche su base volontaria"-Open Arms: Linardi (Sea watch), 'con decisione Salvini si pensa politica, diritti umani calpestati'-Italmopa: 'Industria molitoria fondamentale per quella pastaria'-Coronavirus: Macron, 8 mld di euro di aiuti al settore auto in Francia-Al via progetto #Ricuciamo, 320 detenuti produrranno mascherine-Acea Ato 2: Assemblea nomina nuovo Cda, presidente Cosentino-Migranti: in 70 arrivano a Lampedusa, parroco 'sbarchi quotidiani'-Lega: Meloni, 'con occhiali Salvini ha immagine molto posata, colore indefinito'-Coronavirus: Monti, 'non accettare Mes sarà un errore'-Alberto e Tom, sposati in Uk ma non si vedono da marzo: "Noi coppie gay discriminate"-Fase 2: Alberto e Tom, 'noi coppie gay discriminate, per noi niente ricongiungimento' (2)-Fase 2: Alberto e Tom, 'noi coppie gay discriminate, per noi niente ricongiungimento' (3)-Fase 2: Alberto e Tom, 'noi coppie gay discriminate, per noi niente ricongiungimento' (4)-Coronavirus: Baffi (Iv) nominata presidente commissione inchiesta Lombardia (2)-Coronavirus: Baffi (Iv) nominata presidente commissione inchiesta Lombardia (2) (2)-Elezioni: Brescia chiede a Fico rinvio a giovedì approdo in aula dl Elezioni-Caos procure: portavoce Napolitano, da 'Giornale' accuse gratuite contro Presidente'

Troppe biciclette, il paradossale grido d’allarme di Copenaghen

Condividi questo articolo:

La capitale danese è una delle città più bici-friendly del mondo, dato che il 36% degli abitanti utilizza la bicicletta per andare al lavoro o a scuola. Ma non per questo non ci sono problemi: troppe biciclette e pochi parcheggio, ciclisti indisciplinati in lotta fra loro

Ci credereste se vi dicessero che c’è una città al mondo dove le biciclette ed i ciclisti sono addirittura troppi? Assediati da auto e camion e con i centri storici delle nostre città dal parcheggio selvaggio, è difficile credere ad una notizia del genere, eppure succede, e nemmeno tanto lontano da noi.

In particolare a Copenaghen ci sono troppe biciclette, e soprattutto ciclisti troppo aggressivi e indisciplinati. È il grido d’allarme, che suona quasi come un paradosso, lanciato dalla Federazione ciclistica danese e da Wonderful Copenaghen, l’agenzia turistica ufficiale del Paese, secondo cui l’incredibile successo avuto dalle due ruote ecologiche tra residenti e turisti sta creando «uno sgradevole e pericoloso clima intimidatorio».

La capitale danese è una delle città più bici-friendly del mondo, dato che il 36% degli abitanti utilizza la bicicletta per andare al lavoro o a scuola. Il risultato però è che «a Copenaghen ci sono, impensabili problemi di congestione provocati dalle biciclette» ha detto Aneh Hajdu, di Wonderful Copenhagen. «Per i bambini – aggiunge – è diventato troppo pericoloso». Nella città, come riporta il Guardian, è quasi impossibile trovare parcheggio per le due ruote vicino alle stazioni principali e le piste ciclabili sono intasate da una marea ondeggiante di ciclisti, specialmente nelle ore di punta.

Il fatto poi che le piste ciclabili, oltre che molto numerose, siano anche molto più ampie di quanto avvenga in quasi tutte le altre città europee (addirittura tre o quattro metri) sembra accrescere il disordine. Infatti «i ciclisti lottano per un pò di spazio sulle piste di Copenaghen, dove la gente si spinge e si urta.- ha affermato Frits Bredal, della Federazione ciclisti danesi – Con la crescita esponenziale delle due ruote, i ciclisti nel traffico sono sempre più aggressivi e spericolati: infrangono le leggi e usano la propria biciclet

Questo articolo è stato letto 1 volte.

biciclette, ciclisti, copenaghen, eco, mobilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net