Torna il Giretto d’Italia, le citta’ si sfidano su due ruote

Condividi questo articolo:

Venerdi’ la seconda edizione del Giretto d’Italia, la competizione organizzata da Legambiente, Fiab e Citta’ in Bici. Alla sfida partecipano anche Roma e Milano

Torna il Giretto d’Italia. E venerdì ci si muove tutti in bicicletta per il campionato nazionale della ciclabilità urbana, organizzato per il secondo anno consecutivo da 25 comuni d’Italia, Legambiente, Fiab e Città in Bici, con un unico scopo: incentivare l’uso delle due ruote. Il Giretto d’Italia è una vera e propria sfida tra Comuni e vince la maglia rosa chi registra il numero più alto di persone che preferiscono la bici come effettivo mezzo di trasporto. Grazie al monitoraggio di alcuni osservatori e a dei check point dislocati nel territorio comunale si capirà la percentuale di spostamenti in bici.

Nel Giretto d’Italia le città si sfideranno tra loro divise in tre gironi composti a seconda del numero di abitanti: grandi città, città medie, città piccole e ogni girone avrà una città vincitrice. Nel girone ‘big’, ovvero quello delle grandi città, si sfidano Milano, Torino, Genova, Venezia, Firenze, Bologna, Roma e Bari. Nella categoria città medie si contendono la maglia rosa Trento, Padova, Vicenza, Ferrara, Modena, Ravenna, Brescia, Reggio Emilia. Le città piccole in gara saranno Pordenone, Pesaro, Udine, Schio, Lodi, Carpi, Pisa, Grosseto e Saronno. I vincitori di ogni girone verranno premiati a Ferrara, venerdì 25 maggio 2012, all’interno della ‘Borsa del Turismo delle 100 città d’Arte d’Italia’.

Il Giretto d’Italia è occasione per incentivare l’uso delle bici nelle città italiane, rimaste indietro rispetto al resto d’Europa.

(GC) 

Questo articolo è stato letto 9 volte.

bici, bicicletta, Giretto d'Italia, sfida ciclismo, sfida Comuni in Bici

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net