ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Mafia: blitz a Gela, 'Chiudi o ti uccidiamo', costretto a chiudere per minacce boss-Mafia: blitz a Gela, 'Chiudi o ti uccidiamo', costretto a chiudere per minacce boss (2)-Nuovo premio per gli Uffizi dalla prestigiosa rivista internazionale "Apollo Magazine"-Cinema: è morto Tommy Lane, cattivo di 'Agente 007 - Vivi e lascia morire'-dl Capienze: Camera, alle 13 voto fiducia, stasera via libera finale-Economist: è Tel Aviv la città più cara al mondo, a Roma il crollo più forte-Covid: Brasile, individuati due casi di Omicron, i primi in America Latina-Droga: sgominata piazza di spaccio a Palermo, 12 arresti-**Quirinale: Letta, 'Berlusconi? Con candidato bandiera governo cade giorno dopo'**-Quirinale: Letta, 'spero eletto da larga maggioranza, anche da opposizione'-**Eutanasia: Letta, 'lancio appello a tutte forze politiche, no a battaglia ideologica'**-Quirinale: Letta, 'Berlusconi? Non è candidatura che possa essere votata da Pd'-Quirinale: Letta, 'non può che essere a larga maggioranza o cade governo'-Centrosinistra: Letta, 'c'è anche Renzi? Parliamo a elettori'-Pd: Letta, 'primo partito? Guardo sondaggi con distacco, tanti gli indecisi'-Centrosinistra: Letta, 'no a coalizione di sigle ma di cittadini, Agorà servono a questo'-Sparatoria in una scuola del Michigan, 15enne uccide 3 studenti-Cannabis: Letta, 'voglio portare Pd su posizione comune'-Pd: Letta, 'nostre battaglie? siamo 12% parlamento...'-Eutanasia: Letta, 'referendum? Intanto ottenuto testo suicidio assistito in aula il 13/12'

Violenza su donne: Mattarella, ‘necessario educare sin dall’infanzia, e sostenere le vittime’

Condividi questo articolo:

Roma, 25 nov (Adnkronos) – “La violenza contro le donne prende origine infatti da una visione distorta dei rapporti tra uomo e donna, che vede la seconda come oggetto e in ogni caso come soggetto non degno di un pieno rispetto. È nell’idea di inferiorità che pervade, ancora troppo spesso, l’approccio alla questione femminile, in cui si trovano le radici di ogni forma di violenza”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne.

“Per uscire da questa spirale è necessario educare: educare al rispetto, educare alla parità, educare all’idea che mai la forza può costituire uno strumento di dialogo. Già nelle famiglie si deve diffondere questa educazione e poi nelle scuole, fin dalla prima infanzia”, spiega il capo dello Stato.

“È fondamentale che le donne che hanno subito violenza sentano intorno a loro un mondo che le accoglie e le protegge, per consentire loro di uscire dal silenzio e liberarsi da quel recinto dove è nata la violenza. Solo con una società pronta a sostenere le vittime sarà possibile sconfiggere la violenza contro le donne. Per questo è importante l’attività che ogni giorno portano avanti le istituzioni, le associazioni, le volontarie e i volontari, che tentano di costruire rifugi per curare e prevenire gli episodi di violenza”, prosegue Mattarella.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net