Ucraina-Russia, guerra ‘rallentata’ nel 2023: lo scenario

Condividi questo articolo:

Washington, 4 dic. (Adnkronos) – La guerra in Ucraina sta rallentando, secondo una tendenza che probabilmente continuerà nei prossimi mesi invernali e all’inizio del 2023. Questa l’evoluzione del conflitto secondo i servizi americani, stando a quanto esposto dalla direttrice dell’intelligence nazionale, Avril Haines, intervenuta a un forum sulla Difesa che si è svolto in California. Non ci sono tuttavia prove di un calo della resistenza da parte delle forze ucraine, ha tenuto a sottolineare. Secondo Haines i contendenti cercheranno in questa fase di lavorare per “riparare, rifornire e ricostituire” le forze in vista di una controffensiva in primavera.

I combattimenti – ha proseguito – si svolgono essenzialmente ora intorno alla regione di Bakhmut e Donetsk, nell’Ucraina orientale. Gli scontri sono diminuiti dopo il ritiro delle truppe russe dalla parte occidentale della regione di Kherson il mese scorso. “Stiamo già assistendo a una sorta di riduzione del ritmo del conflitto… e prevediamo che sarà probabilmente quello che vedremo ancora nei prossimi mesi”, ha detto. Gli eserciti ucraino e russo cercheranno di prepararsi ad una controffensiva dopo l’inverno. “Ma in realtà abbiamo una buona dose di scetticismo sul fatto che i russi saranno, in effetti, preparati a farlo”, ha detto.

Intelligence Gb: “Sempre meno russi favorevoli alla guerra, 55% per colloqui”

Recenti sondaggi indicano che il sostegno dell’opinione pubblica russa alla cosiddetta operazione militare speciale sta diminuendo in modo significativo. Secondo dati raccolti dal Servizio di protezione federale russo per uso interno – dati cui un media russo indipendente ha dichiarato di aver avuto accesso – il 55% del campione interpellato è favorevole ai colloqui di pace con l’Ucraina, e solo il 25% dice di sostenere il proseguimento del conflitto. Lo scrive l’intelligence britannica, nell’ultimo rapporto divulgato dal ministero della Difesa di Londra.

Questi risultati – si legge ancora – sono coerenti con un sondaggio separato dell’ottobre scorso in cui il 57% degli intervistati si dichiarava favorevole ai colloqui. Nell’aprile 2022, circa ancora l’80% dei russi diceva di sostenere l’operazione. Ma nonostante gli sforzi delle autorità per imporre un controllo pervasivo sull’informazione, per molti russi il conflitto è diventato sempre più tangibile dalla “mobilitazione parziale” del settembre 2022. E con le difficoltà che nei prossimi mesi Mosca incontrerà nello sforzo di ottenere grandi successi sul campo di battaglia, è probabile che mantenere un’approvazione tacita alla guerra tra la popolazione sarà sempre più difficile per il Cremlino.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net