ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Sicurezza: Rossomando, 'dl rave inutile, pene sproporzionate'-**Fisco: 'Mattarella, nei prossimi mesi Svizzera via da black list'**-Pnrr, Epifani (Sostenibilità digitale): "Tecnologia migliora efficacia in sanità"-Russia: approvata all'unanimità legge che vieta la propaganda Lgbt-Al via 5^ edizione di 'Valori in Campo' di Gruppo Cap per promuovere inclusività e sostenibilità-**Italia-Svizzera: Mattarella, 'presto veloce ratifica Italia accordo frontalieri'**-Pnrr, Caprioli (Igibd): "Occasione unica per vera infrastruttura digitale in sanità"-Internet: As Mediobanca, 'in 2022 crescono ricavi giganti websoft ma crollano utili(-42%)'-Biathlon: Cdm, Vittozzi terza nell'individuale di Kontiolahti-Ucraina: Foti (Fdi), 'maggioranza coesa e compatta al fianco Kiev'-Porti, Musolino (Adsp): "A fine anno verso oltre 1 mln di tonnellate merci movimentate"-Qatar 2022: Paola Ferrari, 'tolta dai Mondiali senza alcuna spiegazione, molta amarezza'-Biathlon: Vittozzi, 'dedico il podio a me stessa, sono stati due anni difficili ma utili a crescere'-Crosetto: "Conte critichi se stesso, governo sta dando esecuzione a decreti precedente esecutivo"-Tennis: Sampdoria, Baldini promosso coordinatore tecnico della prima squadra-Grimaldi (Alis): "Iper tassazione su trasporto marittimo peserà su imprese e turisti"-Fisco: As Mediobanca, 'in 2021 con fiscalità agevolata risparmio giganti websoft 12,4 mld'-Calcio: Jordi Cruyff, 'Messi e il Barcellona meritano un ultimo ballo insieme'-Fisco: As Mediobanca, 'in 2021 giganti websoft hanno versato in Italia tasse per 150 mln'-Pd: Sarracino, 'ha ragione Lepore, chiamiamoci partito democratico del lavoro'

Torna ‘Seminare il Futuro’, porte aperte nelle aziende bio

Condividi questo articolo:

Roma, 13 ott. (Adnkronos) – La biodiversità agricola ha bisogno di sostegno attraverso operazioni di ricerca e recupero: servono, soprattutto per l’agricoltura biologica, nuove sementi resistenti alla crisi climatica e adatte al bio. È questo l’impegno della Fondazione Seminare il futuro e di NaturaSì che, nella Giornata mondiale dell’alimentazione del 16 ottobre, aprono le porte di nove aziende agricole bio per la semina collettiva.

Anche quest’autunno oltre 2mila persone spargeranno semi di cereali nei campi. Molte delle sementi saranno quelle prodotte nel campo catalogo che la Fondazione gestisce assieme all’Università di Pisa, dove si stanno selezionando cereali che rispondono alle necessità del biologico. Si tratta di semi in grado di produrre piante con radici ramificate e profonde, capaci di andare a cercare il nutrimento che non viene fornito in forma immediata dai fertilizzanti chimici di sintesi. Semi che danno vita a piante di frumento alte, in grado di competere con le erbe infestanti.

“Per invertire la rotta della crisi ambientale serve intervenire sul settore primario, servono anche altri semi che, necessariamente, sono frutto di una ricerca specifica – dice Fabio Brescacin, presidente di NaturaSì – Oggi parte delle sementi utilizzate non è ‘riproducibile’, oppure l’autoriproduzione a cura dell’agricoltore non risulta interessante perché́ instabile e poco produttiva. L’agricoltura biologica necessita di varietà̀ ‘locali’, legate cioè̀ alle caratteristiche delle aree di produzione, oppure selezionate in modo specifico per una pratica agroecologica, in grado di svilupparsi pienamente in campi dove la chimica di sintesi non viene impiegata”.

In questo contesto è stata selezionata la prima varietà di grano duro per il biologico dall’incrocio di varietà di frumento delle aree del Mediterraneo. La nuova varietà ‘Inizio’ nasce da una ricerca che ha visto la collaborazione del Crea di Foggia assieme a Peter Kunz, esperto svizzero di selezioni in biologico, e finanziata da NaturaSì e Cooperativa Gino Girolomoni. La ricerca è partita nel 2016, ripresa poi dalla Fondazione Seminare il Futuro e dal Centro di ricerca agro-ambientale dell’Università di Pisa, dove sono stati realizzati incroci impiegando varietà moderne e antiche. Il bisogno di semi adatti all’agricoltura biologica e biodinamica italiana ha portato NaturaSì a finanziare il progetto, destinato ad evolversi e a produrre nuove varietà di grano duro. “Abbiamo chiamato ‘Inizio’ questa prima varietà di grano duro adatta all’agricoltura biologica proprio perché solo di un inizio si tratta. Il processo di selezione sta andando avanti per arrivare ad ottenere anche altre varietà con le caratteristiche ottimali per chi svolge agricoltura biologica”, spiega Federica Bigongiali, direttrice della Fondazione Seminare il Futuro.

“Quella del clima è la sfida più epocale che abbiamo davanti. L’agricoltura bio può essere parte della soluzione all’impoverimento agricolo e alimentare. Ma occorre un impegno forte su ricerca e innovazione per lo sviluppo e la selezione di sementi adatte al biologico. Per anni abbiamo chiesto una ricerca per migliorare le tecniche agronomiche del biologico e anche per aumentarne le rese, che ora sono inferiori di circa un quarto rispetto al convenzionale. Noi stiamo mettendo la nostra esperienza al servizio di questo obiettivo, che ci pare ora più che mai importante. Ed è quasi incredibile pensare che non sono le istituzioni della ricerca pubblica ad occuparsi di un settore centrale per l’innovazione in campo ambientale. È difficile pensare ad una transizione ecologica che dimentichi l’agroecologia”, spiega Fausto Jori, amministratore delegato di NaturaSì.

Da ormai 12 anni nelle aziende agricole dell’ecosistema NaturaSì si svolge la manifestazione Seminare il futuro, che vede la partecipazione di centinaia di persone impegnate nel gesto antico di spargere le sementi su un campo. Tra le aziende che partecipano all’iniziativa ci sono quest’anno Azienda Agricola Biodinamica Cascine Orsine e Azienda Agricola Carpaneta (Lombardia), Cooperativa Agricoltura Nuova (Lazio), Cooperativa Agricola Gino Girolomoni (Marche), Azienda Agricola Fattoria Di Vaira (Molise), Società Agricola biodinamica San Michele e Società Agricola La Decima (Veneto), Corte San Ruffillo (Emilia Romagna) e Azienda Agricola Il Cerreto (Toscana).

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net