Pd: Marcucci, ‘o resta riformista o fortino identitario inutile’

Condividi questo articolo:

Roma, 18 giu. (Adnkronos) – “Il premier è libero di scegliere chi vuole in modo autonomo, mi pare che il tweet i Provenzano sia eccessivo e anche sbagliato: probabilmente non conosce la differenza tra ’liberale’ e ’liberista’, forse dovrebbe ripassarla”. Lo afferma il senatore Pd Andrea Marcucci in un’intervista al quotidiano Il Giornale.

“Non mi spiego gli attacchi al governo -continua- l’ agenda Draghi e il suo posizionamento internazionale sono i nostri, sono altri i partiti che guardano alla Russia o alla Cina come riferimenti”. E proprio sulla Cina, Marcucci dice: “ Diciamo che alcune simpatie del M5s verso la Cina è meglio che restino confinate tra i pettegolezzi raccolti dai media. Non penso che sarebbe possibile allearsi con chi ha simpatie internazionali per noi inconcepibili. Ed è chiaro che Draghi non potrebbe accettare distrazioni di questo genere.”

Per il parlamentare dem anche la sospensione del giovane dirigente romano è “un riflesso condizionato di vecchio stile ideologico, preso senza mettere in funzione il cervello. Spero venga prontamente annullata. Lo stato maggiore dem deve acquisire consapevolezza che o il Pd resta riformista e pluralista o si trasforma in un fortino identitario di cui non si sente francamente bisogno”.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net