ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Qatar 2022: Livakovic, 'siamo guerrieri e non ci risparmiami mai, è la ricetta del nostro successo'-Qatar 2022: quarti di finale, Olanda-Argentina 0-1 alla fine del primo tempo-Qatar 2022: Tite ufficializza addio al Brasile, 'finito un ciclo, sono in pace con me stesso'-Qatar 2022: ct Marocco, 'in campo per Africa e mondo arabo, spero CR7 non giochi'-Calcio: Lukaku torna a Milano, domani torna ad allenarsi con l'Inter-Qatar 2022: ct Croazia, 'partita grandiosa, nessuno deve sottovalutarci'-F1: Leclerc, 'nuovo team principal Ferrari? Elkann e Vigna faranno scelta giusta'-Qatar 2022: Thiago Silva, 'fa molto male, ora alziamo subito la testa'-Qatar 2022: le formazioni di Olanda-Argentina, Di Maria e Lautaro in panchina-Qatar 2022: ancora niente Argentina-Brasile, l'ultima vola al mondiale nel 1990-Qatar 2022: come Livakovic nessuno mai, 4 rigori parati in un mondiale-**Qatar 2022: sconfitta Brasile, la stampa verdeoro 'gioco drammatico, sogno infranto'**-Qatar 2022: Rodrygo e Marquinhos sbagliano ai rigori, Croazia elimina Brasile ed è in semifinale-Qatar 2022: rigori fatali al Brasile, Seleçao ko dagli 11 metri al mondiale dopo 36 anni-Qatar 2022: quarti amari per il Brasile, esce per la 4/a volta negli ultimi 5 mondiali-Qatar 2022: quarti di finale, il tabellino di Croazia-Brasile-**Musica: è morto il figlio di Tina Turner, aveva 62 anni**-**Qatar 2022: Croazia-Brasile 1-1 dopo i supplementari, si va ai rigori**-Qatar 2022: Brasile ko ai rigori, Croazia prima semifinalista-Qatar 2022: Neymar segna il 77° gol con il Brasile, raggiunto Pelé

Pakistan: Castaldo (M5S), ‘Ue sostenga ricostruzione paese’

Condividi questo articolo:

Roma, 6 ott. (Adnkronos) – “L’Europa sostenga la ricostruzione del Pakistan”, messo in ginocchio dalle piogge monsoniche. A chiederlo è Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare e coordinatore del Comitato per i rapporti europei e internazionali del Movimento 5 Stelle.

“Le piogge monsoniche torrenziali – scrive Castaldo in una nota – hanno scatenato le più gravi inondazioni della storia recente del Pakistan, spazzando via interi villaggi, uccidendo oltre 1.600 persone e provocando più di 33 milioni di sfollati. Questo disastro indotto dai cambiamenti climatici sta lasciando dietro di sé una scia di distruzione, fame e malattie. Con vaste aree del Pakistan che potrebbero impiegare mesi per asciugarsi, infatti, le malattie trasmesse dall’acqua stanno aumentando, così come la malnutrizione, soprattutto tra i bambini. Nonostante tutti gli sforzi della comunità internazionale, dei volontari e del governo, la natura senza precedenti delle inondazioni ha provocato un’enorme carenza di risorse e il sistema sanitario pakistano, già sovraccarico, non ha le risorse per aiutare tutti coloro che hanno bisogno di cure”.

“In base ai nostri principi di solidarietà internazionale, impegno e condivisione degli oneri, è imperativo rispondere alle richieste di aumentare la cooperazione e mobilitare fondi aggiuntivi, Tuttavia, non basterà aumentare gli aiuti umanitari nel tentativo di arginare il possibile rischio di epidemie. Per sostenere il Paese in questo momento drammatico, bisognerà agire per sostenere la ricostruzione, la riabilitazione e la resilienza del Pakistan, anche attraverso misure di riduzione del debito. Non è il momento delle belle parole ma delle azioni immediate ed efficaci”, conclude.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net