ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Francia: Minc, 'dipendenti dovrebbero detenere 10% del capitale delle loro aziende'-Governo: Bersani, 'Iv operazione di transfughi e arroganti-**Coronavirus: lo statistico Arbia, 'assurdo vincolare passaggio zona a numero infetti'**-Coronavirus: esperto, 'sono 10 mln gli italiani già entrati in contatto con virus'-Napoleone: venduta per quasi 100mila euro la chiave della prigione di Sant'Elena-**Calcio: Pingitore, 'una battuta sulla Roma di ieri? ..Sì, bisogna darla in testa ai giocatori'**-**Iraq: Del Noce, 'l'apocalisse su Baghdad, non scorderò mai prima notte guerra del Golfo'**-**Iraq: Del Noce, 'l'apocalisse su Baghdad, non scorderò mai prima notte guerra del Golfo'** (2)-Polizia: Gasparri, 'da Nannini messaggio fallito, ritiri video'-Coronavirus: Gelmini, 'non garantiti abbandonati da governo'-**Governo: Udc, 'no a giochi palazzo, noi restiamo nel centrodestra'**-Governo: Orlando, 'trasformista? quello che ha cambiato casacca come te ma ti sta antipatico'-Governo: De Bonis (Maie), 'crescono adesioni, dopo fiducia Conte Ter con nuova squadra'-Recovery: Magorno (Iv), 'uniti per non lasciare indietro la Calabria'-Governo: Crippa, 'risolviamo crisi che interessano a cittadini'-Governo: Lupi, 'serve autorevolezza, non Conte ter'-Governo: Napoli (Fi), 'serve maggioranza con programma credibile e spendibile'-**Governo: Cucca (Iv), 'sono e resto con Renzi, basta illazioni'**-Coronavirus: Campomenosi (Lega), 'inaccettabile fondi Ue a laboratorio Wuhan'-**Governo: Merlo (Maie), 'crediamo in progetto politico Conte'**

**Mes: fronda M5S minaccia, ‘pronti a bloccare riforma con voto Camere’**

Condividi questo articolo:

Roma, 2 dic. (Adnkronos) – No alla riforma del Mes. Il diniego di un nutrito gruppo di parlamentari M5S viene messo nero su bianco in una lettera inviata ai vertici del Movimento e firmata da ben 52 deputati e 17 senatori. Al netto dei toni concilianti della missiva, il niet suona forte e chiaro, fino alla minaccia si voto contrario in Parlamento al momento della ratifica.

“Anche lo scorso anno – ricordano i firmatari – si dava tutto per chiuso ma siamo riusciti nel nostro intento”, ovvero rinviare la riforma con lo stop dell’Italia, “ora è il momento di non arretrare su posizioni che non sono nostre. Ciò è ancora più vero in un momento storico in cui serve reale integrazione europea e spirito di solidarietà fra i Paesi dell’Eurozona, piuttosto che il potenziamento di istituzioni intergovernative esterne alle istituzioni comunitarie. In difetto, l’unico ulteriore passaggio che i parlamentari del MoVimento 5 Stelle avrebbero per bloccare la riforma del MES sarebbe durante il voto di ratifica nelle due Camere”, sottolineano in modo inequivocabile.

Nella lettera, i 69 parlamentari si soffermano su tutte le tappe che hanno portato alla riforma. “In questi ultimi mesi – osservano – non sono mutati né i termini della riforma, né il ‘pacchetto completo’. Ciò che è cambiata invece è la volontà di quasi la metà del Parlamento di accedere al Mes, rendendo de facto questo strumento più vicino al nostro paese, ed il contesto macroeconomico legato alla pandemia Covid che rende ancora più inadeguato questo strumento”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net