ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Aspi: fonti, cessione controllo Cdp proposto da società e Atlantia a luglio**-Varese: domani questura inaugura sala per ascolto vittime reati di genere-Aeroporti: dipendenti ex Sea Handling, 'a rischio 550 famiglie, aiutare indotto'-Digital Value: acquista il 51% di Dimira-**Aspi: Atlantia, 'imposizione dell'obbligo di cederla a Cdp esula da facoltà concedente'**-Aspi: Atlantia al Governo, sempre coerenti con impegni assunti il 14/7-Camorra: i 3 no della Camera ai pm su Cosentino, così il centrodestra si spaccò/Adnkronos-Camorra: i 3 no della Camera ai pm su Cosentino, così il centrodestra si spaccò/Adnkronos (3)-Berlusconi: compleanno in quarantena, centinaia di auguri e spegne candeline-Emilia Romagna: ritorna lo storico panificio a Santarcangelo-Mostre: Intesa Sp sponsor prima monografica dedicata ad Artemisia Gentileschi-Gf Vip, Brosio: "Ho rischiato di entrare nella Casa da positivo, tamponi erano negativi"-Confindustria: Landini, 'combattere la precarietà nel lavoro'-Milano: vicesindaco su protocollo abusivismo, 'siamo con cittadini onesti'-Flowe, spazio a temi green sui social e 30mila kg di plastica raccolti-Covivio: inaugura a Milano suo spazio di 'pro-working' con 400 postazioni-Cosentino assolto in appello: "9 anni di inferno, finalmente è finita"-Terrorismo: sindaco Bulciago, 'felice per bambini Brignoli, spero torneranno qui'-Confindustria: Furlan, 'bene appello Bonomi per Patto vero per sviluppo e lavoro'-Lecce, legale famiglia di Daniele: "Movente assurdo, tutto ancora più inaccettabile"

Mafia: omicidio e tentato omicidio, cinque arresti nel catanese (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – “Quindi, è stato appurato che il gruppo di motociclisti, dopo essere partito da un luogo comunemente chiamato “monte pidocchio” nei pressi del cimitero di Catania ed avere percorso la via Acquicella, i quartieri di San Berillo nuovo e di San Giorgio, giungeva all’altezza della strada che conduceva al viale Grimaldi, dove è stato improvvisamente colpito da numerosi colpi di arma da fuoco esplosi con diverse pistole dagli indagati che, preventivamente allertati, a bordo di auto e scooter, avevano pianificato una contromossa, provocando la morte di D’Alessandro e Scalia, nonché il ferimento di altri.

L’attività investigativa “ha consentito di far emergere la figura di DI Stefano, attuale reggente del gruppo mafioso dei “Cursoti Milanesi”, il quale, oltre ad aver organizzato ed istigato il gruppo di fuoco, non solo ha guidato la violenta aggressione del 7 agosto ai danni di Nobile, ma ha anche partecipato materialmente all’eclatante azione delittuosa finalizzata ad uccidere i soggetti ritenuti appartenenti ad un clan rivale”.

Di rilievo sicuramente anche il coinvolgimento di uno degli uomini di più stretta fiducia del Di Stefano, ovvero Martino Carmelo Sanfilippo, emerso come protagonista anch’egli dell’aggressione violenta ai danni del NOBILE, nonché del conflitto a fuoco avvenuto la sera dell’8 agosto, allorquando risulta aver colpito mortalmente Luciano D’Alessandro, ferendo Concetto Alessio Bertucci. L’adozione del provvedimento restrittivo in parola “si inquadra in un’ampia strategia di contrasto della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania e dei Carabinieri del Comando Provinciale che ha consentito, al momento, di prevenire tempestivamente ulteriori iniziative violente poste in essere dai segnalati clan, la cui operatività sul territorio e la frizione – esplicita e/o latente – sono state anche accertate in recenti attività di polizia giudiziaria”.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net