ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Centrodestra: Berlusconi, 'no fusioni a freddo ma due anni per costruzione dal basso'-Centrodestra: Berlusconi, 'no liquidazione Fi, nostri valori centrali'-Centrodestra: Berlusconi, 'no liquidazione Fi, nostri valori centrali' (2)-Centrodestra: Berlusconi, 'no fusioni a freddo ma due anni per costruzione dal basso' (2)-Governo: Berlusconi, 'sostegno a Draghi, riforma fiscale indispensabile'-**Fi: Berlusconi, 'io in campo e intendo rimanerci'**-Centrodestra: Berlusconi, 'mia famiglia coinvolta? Miei figli non si occupano di politica'-Centrodestra: Berlusconi a Salvini e Meloni, 'da qui a 2023 costruire partito unico'-Roma: Gualtieri, 'tanta partecipazione ai gazebo, fieri e orgogliosi di primarie'-Roma: Gualtieri, 'soglia 50mila votanti? importante è larga partecipazione'-Arte: è morto Allen Midgette, il pittore della Factory di Warhol che recitò per Bertolucci-**Roma: comitato Caudo, violazioni ad alcuni seggi primarie**-Roma: Pd romano, 'oltre 1000 volontari in 187 gazebo, bella giornata democrazia'-Centrodestra: Gelmini, 'sì a grande partito repubblicano'-M5S: Azzolina, 'rapporti Grillo-Conte buoni, auspico ritorno Di Battista'-Roma: Zingaretti, 'ho votato al gazebo di pizza Mazzini, buon voto a tutti'-Centrodestra: Tajani, 'no fusioni a freddo ma progetto di governo per Paese'-Roma: Calenda sarcastico sui social, 'primarie aperte? daje...'-Pd: Braga, 'buone primarie a Roma e Bologna, grazie a volontari'-Lavoro: Fratoianni, 'schiacciati diritti, rischio tensioni per stop blocco licenziamenti'

Libro Di Battista: ‘al governo con Berlusconi per me ultimo rospo impossibile da ingoiare’

Condividi questo articolo:

Roma, 13 mag. (Adnkronos) – “L’ipotesi di governare insieme a Berlusconi è stata per me l’ultimo rospo, quello impossibile da ingoiare”. Così Alessandro Di Battista in un passaggio del suo nuovo libro ‘Contro’, edito da PaperFirst e in uscita domani, letto dall’Adnkronos in anteprima.

L’ex deputato M5S si sofferma a lungo sulla caduta del governo guidato dal Cavaliere, e sul presunto ruolo avuto da Draghi, all’epoca presidente della Bce. “Non penso che l’operazione Monti sia stata un’operazione propriamente democratica. Questo, sia chiaro, non scalfisce minimamente il mio giudizio sull’ex Cavaliere. Semmai – rimarca – lo peggiora. Berlusconi, nonostante Napolitano avesse chiaramente organizzato la sua cacciata da Palazzo Chigi, ha avuto il fegato di votarlo – e farlo votare dal suo partito – presidente della Repubblica, oltretutto per la seconda volta. Neppure il ricordo della letterina di Trichet e Draghi – atto, ripeto, ostile nei confronti del suo governo – gli ha impedito di sostenere il governo Draghi. Ma Berlusconi oggi (e probabilmente anche ieri) non pensa più alla politica, pensa ai suoi interessi. Alla politica oggi pensa Mario Draghi”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net