ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: Al-Khelaifi, 'futuro Neymar? Anno prossimo e per molto tempo sarà al Psg'-Vaccino Moderna, efficacia oltre il 90% a 6 mesi da seconda dose-**Calcio: Champions, Psg-Bayern Monaco 0-1 e parigini in semifinale**-Vezzali, 'pubblico a Europei è momento simbolo'-Von der Leyen su Erdogan-Michel: "Mi sono sentita sola"-Calcio: Da Pino, 'pubblico a Europei è segnale importante per il Paese, iniezione di fiducia'-Aeroporti: arriva in Sicilia l'inglese 'Asc Handling Limited', il Presidente è di origini siciliane-Olimpiadi: Vezzali, 'man mano che delegazioni si comporranno avvieremo percorso vaccinazione'-Calcio: Vezzali, 'su vaccino a giocatori ad Europei verificheremo esigenze e protocolli Uefa'-Calcio: Vezzali, 'pubblico a Europei? Non si tratta di riaprire stadio ma di momento simbolo'-**Bitcoin: nuovo record valore mercato criptovalute a 2250 mld dollari**-Sport: Vezzali, 'da Governo segnale di speranza per far ripartire tutti i settori economici'-Senato: Formigoni, 'ok Contenziosa a mia pensione rimedia errore clamoroso' (2)-Difesa Lombardo: "Non c'è mai stato alcun patto politico-mafioso"-Mafia: difesa Lombardo, 'non c'è mai stato patto politico-mafioso, pentito inattendibile' (2)-Roma: Tinagli, 'stimo Calenda ma sbaglia, Pd avanti con primarie'-**Cinema: Natalie Portman star "I giorni dell'abbandono" di Elena Ferrante**-**Sport: Sottosegretario Vezzali ricevuta questo pomeriggio al Quirinale da Mattarella**-Johnson & Johnson, trombosi e stop Usa: l'analisi dell'immunologo-Riaperture ristoranti sera e coprifuoco a mezzanotte, ipotesi

Iraq: Papa incontra al-Sistani, leader spirituale sciiti

Condividi questo articolo:

Baghdad, 6 mar. (Adnkronos) – Papa Francesco sta incontrando a Najaf il Grande Ayatollah Ali Al-Sistani, leader religioso degli sciiti in Iraq. Nato il 4 agosto 1930 a Mashhad, in Iran, è leader della comunità sciita irachena e direttore della hawza (ovvero del seminario religioso sciita duodecimano) di Najaf. Figlio di un’importante famiglia religiosa, studia il Corano sin da piccolo; a vent’anni lascia l’Iran per proseguire la sua formazione in Iraq, divenendo discepolo del Gran Ayatollah Abu al-Qasim al-Khoei ad Al-Najaf e guadagnandosi, con il tempo, il rispetto anche dei sunniti e dei curdi. La sua interpretazione della rivelazione islamica quietista, che predica l’astensione delle autorità religiose dall’attività politica diretta, lo porta infatti ad essere un interlocutore riconosciuto da varie correnti politiche. Nel 2004, sostiene le libere elezioni in Iraq, dando così un contributo importante alla pianificazione del primo governo democratico nel Paese, mentre nel 2014 invita gli iracheni ad unirsi per lottare contro il sedicente Stato Islamico.

Più recentemente, nel novembre del 2019, quando la popolazione scende in piazza in segno di malcontento contro il carovita e l’instabilità politica nazionale, Al-Sistani invita manifestanti e polizia a mantenere la calma e a non far ricorso alla violenza. Successivamente, chiede le dimissioni del governo e la riforma elettorale. Le sue richieste vengono accolte: il primo ministro Adel Abdul Mahdi si dimette poco dopo, mentre a dicembre il Parlamento approva la riforma elettorale.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net