ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Superlega: Premier League, 'valutiamo tutte le azioni per impedirne lo sviluppo'-**Superlega: lo scrittore de Giovanni, ‘non è la lega dei ricchi ma dei poveri, è l’anticalcio’**-Superlega: Mihajolovic, 'è solo questione di soldi, a quei club piace vincere facile'-Libri: 'Il Margine', nasce un nuovo marchio editoriale Erickson-Libri: 'Il Margine', nasce un nuovo marchio editoriale Erickson (2)-Calcio: Gravina eletto nel comitato esecutivo Uefa, 'riconoscimento alla politica Figc'-Superlega: Ranieri, 'favole come il mio Leicester sono il bello del calcio'-**Pd: Letta incontra Aboubakar Soumahoro, 'proposto far parte lavoro Agorà'**-Grillo: Stefano (Pd), 'cosa pensa Conte del video garante M5S?'-Monoclonali contro varianti, Ad Gsk Italia: 'Parma in prima linea'-Salute, (Sige): “Mangiare gluten free per dimagrire? Un errore”-Salute, Sige: "Per diagnosi celiachia adulto ruolo gastroscopia da rivedere"-Rivolutzione, servizio per aiutare piccole attività in crisi e con poche risorse a rialzarsi-**Fotografi: è morto Pavel Dias, fotografo della Primavera di Praga**-Libri: Opere di Mario Lattes, scritti editi e inediti per la prima volta insieme a 20 anni dalla morte-Libri: Opere di Mario Lattes, scritti editi e inediti per la prima volta insieme a 20 anni dalla morte (2)-Grillo: Bonafè (Pd), 'prendere distanza senza se e senza ma da violenza'-Narrativa come cura, progetto Novo Nordisk per pazienti diabetici-Superlega: Pirlo, 'Agnelli spiegherà nei dettagli il progetto, abbiamo fiducia in lui'-Superlega, Guardiola: "Se sconfitta non conta non è sport"

Industria: a fine marzo chiude la Sematic, senza lavoro 183 dipendenti

Condividi questo articolo:

Milano, 26 feb. (Adnkronos) – La Sematic di Osio Sotto (Bergamo), 183 dipendenti, chiuderà entro la fine di marzo. A farlo sapere è la Cgil, a cui questa mattina è stato comunicato durante l’incontro urgente con la direzione. Il gruppo Wittur, a cui fa capo Sematic, ha deciso di cessare completamente l’attività produttiva dello stabilimento entro la fine del mese di marzo. “Da parte nostra, abbiamo ribadito la drammaticità delle conseguenze sociali di una scelta del genere. Quasi 200 lavoratori resteranno senza occupazione. La Direzione aziendale ha dato disponibilità a discutere delle modalità per ridurre l’impatto sociale della delocalizzazione, ma resta il fatto che è una situazione gravissima”, afferma Claudio Ravasio della segreteria provinciale della Fiom-Cgil di Bergamo

Dopo il confronto con l’azienda, si è subito tenuta un’assemblea sindacale per informare i lavoratori e decidere insieme a loro come proseguire la vertenza. “A larga maggioranza, ci è stato dato mandato di continuare la discussione con la Direzione di Gruppo. Questo avverrà nel prossimo incontro già programmato mercoledì 3 marzo nel pomeriggio. Il giorno successivo, in una nuova assemblea, aggiorneremo i lavoratori su quanto emergerà”.

Il 3 settembre 2020 l’azienda aveva annunciato il trasferimento di circa il 70% della produzione in Ungheria e l’ipotesi della delocalizzazione era stata già ventilata nella primavera del 2019. Per i lavoratori di Osio Sotto si è aperto un periodo di cig Covid che durerà fino a marzo. Per la vertenza era stato aperto un tavolo di crisi al ministero dello Sviluppo economico.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net