ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Centrodestra: Berlusconi, 'no fusioni a freddo ma due anni per costruzione dal basso'-Centrodestra: Berlusconi, 'no liquidazione Fi, nostri valori centrali'-Centrodestra: Berlusconi, 'no liquidazione Fi, nostri valori centrali' (2)-Centrodestra: Berlusconi, 'no fusioni a freddo ma due anni per costruzione dal basso' (2)-Governo: Berlusconi, 'sostegno a Draghi, riforma fiscale indispensabile'-**Fi: Berlusconi, 'io in campo e intendo rimanerci'**-Centrodestra: Berlusconi, 'mia famiglia coinvolta? Miei figli non si occupano di politica'-Centrodestra: Berlusconi a Salvini e Meloni, 'da qui a 2023 costruire partito unico'-Roma: Gualtieri, 'tanta partecipazione ai gazebo, fieri e orgogliosi di primarie'-Roma: Gualtieri, 'soglia 50mila votanti? importante è larga partecipazione'-Arte: è morto Allen Midgette, il pittore della Factory di Warhol che recitò per Bertolucci-**Roma: comitato Caudo, violazioni ad alcuni seggi primarie**-Roma: Pd romano, 'oltre 1000 volontari in 187 gazebo, bella giornata democrazia'-Centrodestra: Gelmini, 'sì a grande partito repubblicano'-M5S: Azzolina, 'rapporti Grillo-Conte buoni, auspico ritorno Di Battista'-Roma: Zingaretti, 'ho votato al gazebo di pizza Mazzini, buon voto a tutti'-Centrodestra: Tajani, 'no fusioni a freddo ma progetto di governo per Paese'-Roma: Calenda sarcastico sui social, 'primarie aperte? daje...'-Pd: Braga, 'buone primarie a Roma e Bologna, grazie a volontari'-Lavoro: Fratoianni, 'schiacciati diritti, rischio tensioni per stop blocco licenziamenti'

Giustizia: Nardo (Ordine avvocati Milano), ‘segnale positivo prime linee riforma’

Condividi questo articolo:

Milano, 11 mag. (Adnkronos) – Le prime linee della riforma della giustizia voluta dal ministro Marta Cartabia sono “sicuramente un segnale positivo”. Lo afferma, interpellato dall’Adnkronos il presidente dell’Ordine degli avvocati di Milano, Vinicio Nardo, “per una ragione generale di contesto e per almeno tre buone motivazioni di merito”.  In primis, spiega “è una riforma che tiene il doveroso ritmo che il governo Draghi ha imposto a tutta l’impresa del Recovery plan per far ripartire l’Italia dalla crisi generata dalla pandemia e che vede tra le riforme strategiche e decisive quella della nostra giustizia. Benissimo, quindi, che a meno di due settimane dalla condivisione con l’Europa del Piano nazionale di ripresa e resilienza siamo già ad un documento di base della riforma che ne costituisce uno dei punti fermi indicati da Bruxelles giustamente già dall’anno scorso”.  Nel merito invece “sono incoraggianti le proposte di un maggior controllo del gip rispetto alle potenziali inerzie del pm, quelle sull’allargamento del patteggiamento e sulle soluzioni alternative alla sanzione detentiva”, conclude Vinicio Nardo. 

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net