Covid, Trump sui 200mila morti negli Usa: “Una vergogna”

Condividi questo articolo:

Washington, 23 set. (Adnkronos)  – “Penso che sia una vergogna”. Così il presidente americano Donald Trump ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano di commentare gli ultimi dati sul numero dei decessi da Covid-19 nel paese, dove è stata superata la soglia dei 200mila morti. “Credo che se non avessimo fatto bene e nel modo giusto, avresti 2,5 milioni di morti. Se guardi alle possibili alternative, avresti 2,5 milioni di morti o qualcosa del genere. Potresti avere un numero sostanzialmente più alto”.  

“Detto questo – ha proseguito Trump – non avremmo dovuto averne nessuno. E avete visto il mio discorso alle Nazioni Unite. La Cina avrebbe dovuto fermarlo al confine. Non avrebbe mai dovuto lasciarlo diffondersi in tutto il mondo, ed è una cosa terribile. Ma se non avessimo chiuso il nostro paese e quindi riaperto”, ha proseguito alludendo a possibili, più gravi conseguenze, prima di concentrarsi sul modo in cui è stata gestita la riapertura: “Ora stiamo andando bene, il mercato azionario è in crescita, e tutto il resto. Ma penso che sia una cosa terribile”. “Ma se non avessimo fatto bene, avremmo due milioni, due milioni e mezzo, o tre milioni. Ma è orribile. Non sarebbe mai, mai dovuto accadere. La Cina lo ha permesso. Ricordiamoci di questo”.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net