**Covid: dopo Borrelli via anche Arcuri, Draghi lima Dpcm e prepara ‘battaglia vaccini’**

Condividi questo articolo:

Roma, 1 mar. (Adnkronos) – Domenico Arcuri arriva a Palazzo Chigi attorno all’ora di pranzo, va via in auto dall’uscita alle spalle della sede della presidenza del Consiglio dopo mezz’ora appena. La sabbia nella clessidra sembra aver terminato la sua corsa per il numero uno di Invitalia: “dead man walk’, ironizza un ministro rispondendo a chi chiede se Arcuri, dopo Borrelli, sia prossimo all’uscita.

Da Palazzo Chigi tacciono, non è dato sapere se l’ormai ex super commissario abbia visto Mario Draghi, se sia stato il premier in persona a dargli il benservito. Che arriva a pochi minuti dalla chiusura del giuramento dei sottosegretari, un messaggino dello staff del premier avvisa la stampa che il generale Francesco Paolo Figliuolo è il nuovo commissario straordinario per l’emergenza Covid, con tanto di ringraziamenti del governo per “l’impegno e lo spirito di dedizione” con cui Arcuri ha svolto il compito affidatogli nel pieno dell’emergenza, quando di mascherine e respiratori non ce n’erano, le terapie intensive erano in affanno e il bollettino dei morti non arrestava la sua corsa.

Come per Fabrizio Curcio, Draghi decide in solitaria. Ma a differenza dell’uscita di scena di Borrelli, quella di Arcuri era nell’aria. Oggi a chiederne ‘la testa’ è stata anche Forza Italia, accodatasi alla richiesta di Lega, Fdi e Italia Viva. Mentre ha taciuto il Pd e in silenzio è rimasto anche il M5S, lontani i tempi in cui Luigi Di Maio chiedeva che Arcuri non venisse confermato a capo di Invitalia. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata, da numero uno dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’imprese Arcuri è diventato il “commissario di tutto”, come lo etichettavano i suoi tanti detrattori.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net