Cossiga: Mattarella, ‘consolidò rapporto italo-tedesco’

Condividi questo articolo:

Sassari, 24 set. (Adnkronos) – Francesco Cossiga, dopo le dimissioni da ministro dell’Interno, “fu richiamato dal Presidente Pertini, come presidente del Consiglio, per risolvere la difficile crisi di inizio legislatura nel 1979. Il governo Cossiga si trovò di fronte a una scelta rilevante, conseguente alla rinnovata competizione Est-Ovest sugli armamenti” e, dopo “la decisione sovietica di procedere alla installazione di nuovi missili a corto raggio SS20, in sede di Alleanza atlantica si decise per una risposta collegiale di cui l’Italia si rese co-protagonista, decidendo di ospitare -nella base di Comiso -unitamente alla Germania Federale, al Belgio e ai Paesi Bassi, i missili Cruise. Una scelta, che consolidò, fra l’altro, l’amicizia con il cancelliere Helmut Schmidt e il rapporto italo-tedesco, e ribadì il valore strategico di scelte comuni di deterrenza in ambito europeo”. Lo ha sottolineato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricordando, in una cerimonia all’Università di Sassari, Francesco Cossiga, nel decimo anniversario della morte.

“La questione tedesca fu sempre presente al leader sardo che si spese a favore della riunificazione delle due Germanie e questo gli venne riconosciuto nella solenne occasione della cerimonia ufficiale per la riunificazione tedesca, il 3 ottobre 1990: il Presidente della Repubblica italiana fu, infatti, l’unico Capo di Stato straniero invitato nell’occasione”.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net