ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Lega: sindaco Sesto San Giovanni, 'entro da moderato, mio percorso coerente'-Dl Agosto, ipotesi bonus ristorante con rimborso al 20%-Sostenibilità: 'Rivoluzione idrogeno', il libro di Alverà per cambiare il clima-"Un genitore su 3 ha rinviato le vaccinazioni dei figli con il Covid'-Fase 3: da Unicredit finanziamento leasing da 2,9 mln a Reithera con garanzia Sace-Lidl aderisce al Global Compact delle Nazioni Unite-Farmaci: direttore Aifa consegna a Mattarella rapporto su uso nel 2019 e durante Covid-Dalla transizione energetica alle persone, primo Bilancio di Sostenibilità per Q8-Migranti: nave quarantena a Lampedusa, proseguono trasbordi-Case: Covid non frena prezzi, nuovo aumento dell’1,4% a luglio-Case: Covid non frena prezzi, nuovo aumento dell’1,4% a luglio (2)-Messina: donna scomparsa con il bimbo dopo incidente, testimoni 'si è allontanata a piedi'-Messina: mamma e bimbo scompaiono dopo incidente stradale, ricerche in corso-Menarini: "Pipeline Stemline aumenterà la nostra capacità di R&D"-Titoli Stato: spread Btp-Bund apre in aumento a 158 punti-Messina: 'ospiti del Centro accoglienza avviate alla prostituzione', nove misure cautelari-Messina: 'ospiti del Centro accoglienza avviate alla prostituzione', nove misure cautelari (2)-Migranti: arrivata nave quarantena a Lampedusa, inizia trasbordo ospiti hotspot-Migranti: arrivata nave quarantena a Lampedusa, inizia trasbordo ospiti hotspot (2)-Francia: Tesoro 'congela' Morgan Stanley, per 3 mesi stop status 'specialista'

Coronavirus, misure prorogate al 31 luglio

Condividi questo articolo:

Roma, 14 lug. (Adnkronos Salute) – “Il Governo intende emanare un nuovo decreto che proroga fino al 31 luglio le misure”, in scadenza, per il contenimento di Covid-19. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella comunicazione in Aula al Senato, illustrando il contenuto del nuovo Dpcm.

ECCO LE MISURE PROROGATE AL 31 LUGLIO

Le principali misure prorogate al 31 luglio, elencate da Speranza, sono obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi, obbligo di rispettare i protocolli di sicurezza definiti per la riapertura dei luoghi di lavoro; divieto di assembramenti; sanzioni penali per chi viola l’obbligo di quarantena; divieto di ingresso o quarantena per chi arriva da Paesi extra Eu e controlli più stringenti su aeroporti, porti e luoghi di confine.

“Questa ultima misura che ho adottato con mia ordinanza – prosegue il ministro – è direttamente correlata alla grave situazione di contagio in un numero crescente di aree nel mondo. La scelta è chiara. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi ed è per questo che abbiamo scelto, ancora una volta, la linea della massima prudenza”, sottolinea.

“La prima valutazione che dunque offro all’aula è un preciso richiamo a non sottovalutare prima di tutto una situazione internazionale molto preoccupante – sottolinea il ministro – perché la circolazione del virus nel mondo accelera e non perde potenza”.

“La ricerca della massima convergenza nella gestione di questa difficile emergenza sanitaria non è una ‘concessione’ che il governo regala alle opposizioni né uno ‘sconto’ che le minoranze fanno alla attuale maggioranza parlamentare”, precisa Speranza sottolineando che questa è “la via maestra per portare il Paese definitivamente fuori dalla tempesta. E’ la via della responsabilità. L’unica, a mio avviso, seriamente percorribile nell’interesso prioritario e prevalente del nostro Paese”.

“Particolare attenzione è rivolta, in queste ore, agli sbarchi sulle nostre coste con rigorosi controlli sanitari ed obbligo di quarantena per tutti coloro che arrivano. Nessuna sottovalutazione può essere ammessa”, ha aggiunto.

Il coronavirus è “un virus subdolo che spesso colpisce mimetizzandosi. Abbiamo infatti imparato a nostre spese che il Covid ci attacca, moltiplicando i contagiati, non solo attraverso soggetti sintomatici, ma sempre di più per mezzo di pazienti asintomatici”, ha ricordato il ministro evidenziando: “Ricordo questi numeri non per alimentare paure irrazionali che non avrebbero alcun senso ma per non smarrire la razionale consapevolezza che non possiamo e non dobbiamo sottovalutare i rischi che ancora corriamo. La partita non è ancora vinta, è ancora in corso”.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net