Cinema: è morto Walter Bernstein, sceneggiatore della ‘black list’ di Hollywood

Condividi questo articolo:

New York, 24 gen. – (Adnkronos) – Walter Bernstein, lo sceneggiatore resiliente che ha attinto alla sua ignominiosa esperienza di proscritto della ‘lista nera’ nella Hollywood degli anni ’50 per scrivere la sceneggiatura del film “Il prestanome”, è morto all’età di 101 anni a New York. La notizia della scomparsa, avvenuta venerdì 22 gennaio, è stata data da Howard Rodman, suo caro amico nonché ex presidente della Writers Guild of America West, che lo ha definito “uno sceneggiatore leggendario e un grande essere umano”. Il decesso è stato poi confermato alla Cnn dalla quarta moglie, Gloria C. F Colliani Loomis, sposata nel 1988.

Come sceneggiatore di “Il prestanome” (1976) del regista Martin Ritt, con Woody Allen, Bernstein ottenne la candidatura all’Oscar e ai Golden Globe per la migliore sceneggiatura originale. Fu la prima pellicola di Hollywood a rappresentare l’industria dell’intrattenimento nel periodo del maccartismo, quando centinaia di attori, registi e sceneggiatori sospettati di attività sovversive di ispirazione comunista finirono in una “blacklist” che gli impedì di continuare a lavorare. Bernstein fu così costretto per lungo tempo a scrivere sceneggiature utilizzando pseudonimi.

Autore di oltre 90 sceneggiature di film, Bernstein ha adattato il romanzo di Eugene Burdick per la pellicola “A prova di errore” (1964) di Sidney Lumet Fail-Safe (1964) e un romanzo di Dan Jenkins per “Un gioco da duri” (1977) di Michael Ritchie con Burt Reynolds. e ha scritto il soggetto di “Yankees” (1979) di John Schlesinger con Richard Gere.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net