Cencelli: “Ho detto no alla Lega che voleva candidarmi…”

Condividi questo articolo:

Roma, 22 set. (Adnkronos) – ”Le racconto una cosa: mi aveva chiamato la Lega, che mi voleva candidare alle regionali nelle Marche…”. Massimiliano Cencelli, 84 anni, ex Dc, padre del manuale con il quale i democristiani dei tempi d’oro distribuivano il potere dentro e fuori la Balena Bianca, rivela all’Adnkronos che la Lega di Matteo Salvini lo aveva ‘corteggiato’ per candidarlo nelle Marche, dove lui già è stato sindaco, nel Comune di Caldarola, un paesino agricolo di 1500 abitanti in provincia di Macerata.

”Mesi fa due deputati della Lega mi hanno chiamato -dice Cencelli- e mi hanno fatto un’avance e io ho risposto di no, perchè stavo male con il femore rotto. Comunque, non avrei accettato, così come non avrei accettato neanche se me lo avesse proposto Zingaretti. E poi Zingaretti -sottolinea- non mi piace, ha visto la sanità nel Lazio come è ridotta?”.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net