ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Qatar 2022: Szczesny, 'ho perso scommessa con Messi sul rigore ma non pago, è già ricco'-Ue: Picierno, 'il3/12 a Bari con Fitto, prima tappa viaggio nel Sud'-Wartsila: Uilm, lavoratori Trieste approvano accordo, ora vigileremo su attuazione-Twitter: pace fatta fra Musk e Apple, Cook non rimuoverà il social dall'app store-Cuzzilla, 'c'è attacco al reddito fisso, è scandaloso'-Brambilla, 'numero sempre più esiguo di contribuenti paga sempre di più in tasse'-Itinerari previdenziali, welfare finanziato con fiscalità generale, onere molto gravoso-Pd: insediato Comitato costituente, al via lavori su manifesto valori e principi-De Bertoldi, 'per Rgs retroazioni fiscali valgono come coperture ma nessuno le usa'-Fisco, Gusmeroli (Lega): 'serve semplificazione ed equità nelle sanzioni'-Qatar 2022: Frappart, 'dovrò controllare le mie emozioni per arbitrare bene'-**Musica: Pinguini Tattici Nucleari, 'il gioco di squadra ci ha reso quelli che siamo'**-Itinerari previdenziali, per 79,2% italiani redditi fino a 29mila euro, pagano solo 27,57% di tutta Irpef-Itinerari previdenziali, su 13% contribuenti peso 60% Irpef-Cuzzilla (Cida), 'sempre meno lavoratori sostengono peso crescente pressione, inaccettabile'-Dc: Prodi, 'Bianco aveva visione, passione e cultura, è stato un protagonista'-Ucraina: Francia primo paese a sostenere creazione tribunale per crimini russi-**Governo: Meloni, 'Italia mosaico territori da potenzialità straordinarie'**-Mattarella: 'Transizione non è più passaggio tra epoche ma cammino costante '-Governo: Meloni, 'visione di lungo periodo per costruire Italia del dopodomani'

Calcio: Ministro sport Saudita, ‘Ronaldo? Mi piacerebbe vederlo nella Saudi Pro League’

Condividi questo articolo:

Londra, 25 nov. (Adnkronos) – Il futuro di Cristiano Ronaldo potrebbe essere in Arabia Saudita nonostante il rifiuto di una precedente offerta, con il ministro dello sport della nazione che lo ha salutato come un “modello”. Il capitano del Portogallo è senza una squadra di club dopo aver concordato di comune accordo la rescissione del suo contratto con il Manchester United a seguito di una controversa intervista. Mette fine ad un secondo periodo sfortunato con il club della Premier League, ma avrebbe potuto lasciare anche prima viste le offerte arrivate al giocatore lusitano. Una di queste proveniva da un club saudita, ancora senza nome, e ora il ministro dello sport del paese, il principe Abdulaziz bin Turki Al-Faisal, ha sostenuto la possibilità di un’altra mossa per portarlo nella nazione. “Tutto è possibile”, ha detto a Bbc Sport. “Mi piacerebbe vedere Ronaldo giocare nel campionato saudita. Avvantaggerebbe il campionato, l’ecosistema sportivo in Arabia Saudita, e ispirerà i giovani per il futuro. È un modello per molti ragazzi e ha una grande base di fan”.

L’uscita di Ronaldo ha preceduto la notizia secondo cui la famiglia Glazer, proprietaria di lunga data dello United, stia valutando la vendita, dopo anni di proteste per la direzione che il club ha preso sotto il loro controllo. Insieme al Fenway Sports Group, i proprietari della squadra di Premier League del Liverpool, stanno esplorando le loro opzioni, la porta è aperta per potenziali ulteriori investimenti nella massima serie inglese dello stato del Golfo. Il Newcastle United è già di proprietà del Fondo per gli investimenti pubblici (PIF) sostenuto dallo stato dell’Arabia Saudita, ma mentre Abdulaziz ha escluso un’altra offerta dal governo, ha suggerito che gli investimenti privati ​​potrebbero ancora essere esplorati. “È il campionato più seguito in Arabia Saudita e nella regione, e ha molti fan della Premier League”, ha aggiunto. “Dal settore privato non posso parlare a loro nome, ma c’è molto interesse e appetito e c’è molta passione per il calcio. Lo sosterremo sicuramente se entrasse un settore privato saudita, perché sappiamo che si rifletterà positivamente sullo sport all’interno del regno. Se c’è un investitore disposto a farlo e i numeri si sommano, perché no?”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net