American Airlines: con stop aiuti a rischio 19 mila posti di lavoro

Condividi questo articolo:

Madrid, 25 ago.(Adnkronos/Europa Press) – American Airlines ha annunciato che taglierà 19.000 posti di lavoro se gli aiuti federali statunitensi destinati alle compagnie aeree attraverso il Payroll Support Program (Psp) per far frone all’impatto del coronavirus cesseranno come previsto il primo ottobre. I tagli al personale previsti ridurranno l’occupazione totale di American Airlines a meno di 100.000 unità, rispetto ai 140.000 di marzo. Circa 12.500 lavoratori, infatti, hanno già lasciato volontariamente la compagnia e 11.000 dovrebbero ritirarsi dal 1°ottobre, a cui si aggiungeranno i 19.000 che l’azienda ha annunciato martedì.

Lo scorso aprile il Governo degli Stati Uniti ha annunciato un accordo di salvataggio con le principali compagnie aeree passeggeri del Paese per alleviare le perdite derivanti dalla situazione economica generata dalla pandemia di coronavirus per circa 25.000 milioni di dollari (22.759 milioni di euro ).

Questo non ha impedito alla società di registrare perdite nette per 4.308 milioni di dollari (3.600 milioni di euro) nel primo semestre dell’anno, contro l’utile di 847 milioni di dollari (733 milioni di euro) dello stesso periodo dello scorso anno, impattato a causa del crollo della domanda di viaggi in tutto il mondo che ha causato la pandemia Covid-19. Il dibattito su una possibile proroga di sei mesi del programma di sostegno del governo si è bloccato al Congresso, quindi gli ulteriori tagli di posti di lavoro potrebbero essere evitati per American Airlines se i legislatori accettassero di estendere il supporto alle compagnie. Sulla base della domanda attuale, American prevede di ridurre i suoi voli del 50% nel quarto trimestre, con voli internazionali a lungo raggio solo al 25% rispetto ai livelli del 2019.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net