ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Dl ristori: Rem per novembre e dicembre a chi già ne ha beneficiato-Coronavirus: Conte resiste, 'no lockdown imminente', ma Macron e Merkel aprono strada-Coronavirus: Conte resiste, 'no lockdown imminente', ma Macron e Merkel aprono strada (2)-Coronavirus: Vacca (M5S), 'Francia chiude tutto tranne scuole, da Puglia schiaffo'-Italiani e gioco d'azzardo, indagine Swg presentata a convegno Formiche-Giochi, Canali: "Adm pronta ad una strategia di contrasto dell’illegalità"-**Caso Saguto: legale ex giudice, 'cade imputazione su 20 mila euro nel trolley'**-Giochi, Canali: "Adm pronta ad una strategia di contrasto dell’illegalità"-Psa: avvia cessione 7% di Faurecia-Giochi, Baretta: "Lavorare assieme ai Concessionari per recuperare reputazione"-Caso Saguto: duro colpo al 'cerchio magico', 8 anni e mezzo all'ex giudice/Adnkronos (2)-Caso Saguto: duro colpo al 'cerchio magico', 8 anni e mezzo all'ex giudice/Adnkronos (4)-Frosini (Lottomatica Holding): "Necessario riordino sistema giochi"-Caso Regeni: Fioramonti, 'su vendita fregate a Egitto deludente risposta Farnesina'-Espcom: "Superbonus accelera transizione energetica"-**Caso Saguto: legale giudice assolto, 'restituita dignità a magistrato serio e onesto'**-**Caso Saguto: pm Paci, 'finalmente c'è una sentenza'**-Caso Saguto: viene meno il reato di associazione per delinquere-Caso Saguto: legale Cappellano, 'ipotesi accusatoria ha retto solo in parte'-Wekiwi: "Investire in rinnovabili è possibilità di rilancio per economia"

Tirreno Power: ok a dissequestro se calano emissioni

Condividi questo articolo:

Il sequestro della centrale elettrica Tirreno Power di Vado Ligure potrebbe concludersi presto, se l’azienda provvedesse all’installazione di un sistema di controllo adeguato delle emissioni

 

Il sequestro della centrale elettrica Tirreno Power di Vado Ligure potrebbe concludersi presto, a patto che le emissioni calino. Il gip di Savona Fiorenza Giorgi che ha firmato il decreto di sequestro è stata chiara: dopo aver censurato il comportamento dell’azienda scrive, in chiusura d’ordinanza: ‘Se la Tirreno Power provvedesse all’installazione di un sistema di controllo adeguato, da calibrare e monitorare a opera di uno o più tecnici nominati da questo giudice, ai quali verrebbe affidato anche il compito di accertare, attraverso controlli giornalieri che i gruppi a carbone Vl3 e Vl4 siano gestiti in modo da mantenere le emissioni nei limiti, potrà provvedersi al dissequestro degli impianti’. Infatti, una delle esigenze ‘che il sequestro dell’impianto della Tirreno Power vuole soddisfare’, scrive il giudice, è quello della ‘riduzione delle emissioni pericolose dell’impianto’, un adempimento che ‘probabilmente il gestore vorrebbe rinviare sine die’.

L’azienda si dice convinta che ‘alcuni elementi che hanno portato al sequestro siano superati dai fatti e che una volta fornita la documentazione a integrazione delle informazioni in possesso del giudice si potrà rivalutare la decisione sul blocco’. Ma il giudice avverte: per arrivare al dissequestro tecnici nominati dalla magistratura dovranno abbassare le soglie di emissione, altrimenti l’impianto resterà sequestrato. Così Tirreno Power mette nelle mani di un pool di avvocati, si dice guidati dall’ex guardasigilli Paola Severino, le carte della procura per tentare il ricorso al Riesame.

gc

Questo articolo è stato letto 2 volte.

centrale elettrica Tirreno Power, energia, sequestro Tirreno Power

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net